Di che parla la tua storia? L’esempio di Dostoevskij

Fedor Dostoevskij

Si sa che è necessario buttare giù le basi, quando si ha l’idea di un romanzo, e lavorare per settimane (mesi?) per fare in modo che quelle basi acquistino solidità, e non crollino nel giro di una giornata sotto i colpi della prima crisi, del primo “blocco dello scrittore” che ci capita. Non è possibile procedere a caso, seguendo l’ispirazione, perché una storia è in realtà qualcosa di concreto. Ciccia e sangue. Come una casa. L’errore più grave è considerare le parole “aria”: niente di tutto questo. Devi colpire, arrivare al lettore attraverso i suoi sensi. E già in questa fase iniziano i problemi, che di solito si affrontano adottando una strategia geniale: ignorandoli.
Secondo te può funzionare? No, esatto.

Continua a leggere

Come evitare la morte di un blog?

come evitare la morte di un blog

 

Come agire per evitare la morte di un blog? Ma soprattutto: perché un blog muore?
Credo che non sia difficile capire il perché. Il motivo che spesso conduce il blog alla morte è l’entusiasmo, slegato da qualsiasi capacità di mettersi in discussione. Ti sembra impossibile?
Attenzione. Non dico che l’entusiasmo sia una cosa cattiva, al contrario. Ma siccome occorre tempo per arrivare da qualche parte, l’entusiasmo non è il carburante adatto; o almeno da solo non può bastare. Ti fa partire alla grande ma nel giro di 5 mesi sei già fermo, e ti chiedi chi te lo ha fatto fare. Il blog è uno strumento che ti mette in discussione: se hai solo certezze, se quindi non sei disposto a conversare, stai per andare a sbattere.

Continua a leggere

Scrivere un romanzo: dai respiro alla storia

scrivere un romanzo dai respiro alla storia

Ebbene sì, lavoricchio anche a questo romanzo che vedrà la luce… quando sarà ora, né prima, né dopo. Tuttavia sorgono sempre dei problemi durante la stesura, per questa ragione non serve soltanto rileggere; ma è fondamentale abbandonare per un po’ lo scritto, e rivederlo dopo mesi e mesi. Le scorie si depositano sul fondo e diventa agevole eliminarle. Ma questo è anche il modo per capire gli errori più evidenti, e cercare quindi di porvi rimedio.

Continua a leggere

Se il tuo prodotto non offre soluzioni, come lo piazzi?

la scrittura non offre soluzioni

Ovvero: la narrativa è un prodotto un po’ particolare!
Credo di avere già affrontato questo argomento in passato. Diciamo che ho un libro per spiegarti come installare Joomla; come scrivere post efficaci; come usare al meglio Google; o perdere peso. Il lettore, che ha bisogno di conoscere queste informazioni per le ragioni più diverse, compra, e tutti siamo felici (d’accordo, semplifico: però ci siamo capiti, vero?).
Il problema nasce quando il tuo prodotto non offre soluzioni.

Continua a leggere

3 domande al termine della revisione di una storia

3 domande al termine di una revisione

Ha senso domandarsi: che cosa ho imparato al termine della revisione di un proprio testo? Questione forse peregrina, ma sulla quale ho riflettuto qualche giorno fa, per questo adesso devi sorbirti il post (non è vero: puoi sempre passare ad altro!). In realtà le domande che mi sono fatto erano ben più di una, sono 3; ma potrebbero essere di un numero maggiore. Però mi sono limitato…

Continua a leggere