Dopo 2 anni di “Non hai mai capito niente”, che fare?

copertina racconti Non hai mai capito niente

 

A maggio, esattamente il 5 maggio, saranno 2 anni dalla pubblicazione di “Non hai mai capito niente”; il primo capitolo della #trilogiadelleerbacce. Lo so che non importa niente a nessuno. So anche che tu te ne stai lì e pensi:

Ma questo qui invece di scrivere, di raccontare storie, se ne sta lì sul suo blog, come su un ramo d’albero, a interrogarsi su questioni di lana caprina?

Eh, me ne rendo conto. Ma che ci vuoi fare. È così. Non ci posso fare niente. Per esempio mi ricordo che il primo racconto di quella raccolta…

Continua a leggere

La casa di cura

strada verso pontinvrea

 

Ebbene sì, alla fine mi sono deciso a pubblicare pure qui il mio raccontino veloce veloce, senza alcuna pretesa. Sia chiaro: continuerò a pubblicarlo pure su Facebook, ma ho deciso di offrire questa storiella a un pubblico più ampio. Questo è il primo brano, ogni venerdì ne aggiungerò un altro.
Spero che piaccia. Ah, per sapere qualcosa della sua genesi forse ti conviene leggere il post “Come nasce un racconto di Marco Freccero”.
Buona lettura!

Continua a leggere

Ma… devo pure essere una “killer app”?

sassello pozzo

 

Quando anni fa sul computer Apple II apparve il programma VisiCalc (un foglio di calcolo nato ben prima di Excel di Microsoft), parecchia gente comprava quella macchina Apple solo per avere e usare VisiCalc. È uno dei primi casi di “killer application”, vale a dire un’applicazione talmente fondamentale, che da sola induce ad acquistare un computer. E che significa tutto questo con la scrittura e tutta quella roba lì?
Da un po’ di tempo non ci si capisce più niente con il libro elettronico. Dicono:

È in crisi”;

o:

Ma quale crisi: è morto!”;

oppure:

Ma no: l’ho visto ieri alla festa di Paolo. Le ghignate che si faceva!”.

Continua a leggere

Vuoi scrivere? Ma ormai è un mestiere per computer

sassello particolare

 

C’era da aspettarselo. Che cosa? Adesso spiego.
Qualche anno fa, qualcuno ha affermato che se il tuo lavoro può essere sostituito da un software, presto avrai un problema. Nel senso che perderai quel lavoro. Pensa a questo: una volta c’erano gli addetti al casello autostradale che davano il resto. Noioso? Può darsi, ma un sacco di gente ci ha vissuto e ora si gode la pensione.
Adesso fa tutto un software.
Scrivi racconti e/o romanzi? Adesso fa tutto un software. E accede alla finale di un premio letterario.
Io, che sono uno stratega sopraffino, non partecipo mai ai premi letterari. Però…

Continua a leggere