Non hai mai capito niente – Scarica l’anteprima

Scarica l’anteprima in PDF del mio libro di racconti “Non hai mai capito niente”.

È gratis!


 

Non hai mai capito niente. 12+1 racconti di Marco Freccero

Acquista su UltimaBooks

Su Bookrepublic

Su Amazon

copertina ebook Non hai mai capito niente

 


 

Prima la storia, poi il lettore.

Il blog che fa la differenza

il blog che fa la differenza

Il blog che fa la differenza, come ci riesce? In quale maniera possiamo agire per far sì che questo strumento riesca a ritagliare, nel Web, uno spazio, anche piccolo, e che sia nostro?
È ancora possibile riuscirci, oppure l’offerta è talmente varia e vasta che non è più possibile usare il blog, e conviene ripiegare su Facebook o Twitter?
E inoltre: davvero chi scrive storie ha bisogno di un blog?
Quante domande!

Continua a leggere

L’impegno del romanziere

l'impegno del romanziere

Il romanziere deve essere impegnato? Deve denunciare attraverso la sua opera quello che c’è di storto nella società? Deve illuminare gli angoli cupi dove si annidano le ingiustizie, ed essere così la coscienza critica del mondo al quale pure appartiene? Queste sono questioni che si propongono quando per esempio incappi in un Anton Čechov o in un Raymond Carver. O meglio: si propongono dopo che hai letto certi autori, e ci hai riflettuto su per un bel po’. Le puoi ignorare? Ma si capisce. Io però sono strano, e non lo faccio.

Continua a leggere

Il problema del personaggio esistito

personaggio esistito e romanzo

C’è differenza tra un personaggio, e un personaggio realmente esistito, magari pure storico? O meglio: quanto si è liberi nello scrivere di qualcuno che è davvero esistito, ha agito e magari ha modellato la Storia? È un argomento da affrontare oppure è un argomento di lana caprina? Ma soprattutto: esistono i personaggi di fantasia? Proverò a rispondere ma non garantisco il successo!

Continua a leggere

La descrizione di un personaggio

la descrizione del personaggio

 

È tempo di tornare a parlare della descrizione del personaggio (un argomento che in parte avevo sfiorato in passato, in un post intitolato “La bussola dello scrittore esordiente”).
La lezione che si ricava leggendo diverse opinioni di vari autori (per esempio Anton Čechov o Flannery O’Connor, e tanti altri), è che gli stati d’animo non si devono descrivere: ma mostrare.

Continua a leggere

Come scrivere una storia popolare?

scrivere una storia popolare

Come scrivere una storia popolare? Che piaccia a un sacco di persone? Che faccia inorridire certa bella gente che quando vedrà il libro in cima alla classifica dirà “Oh! Come siamo caduti in basso! La gente legge queste porcherie!”.
La risposta?
Non lo so.
Non ho mai scritto qualcosa di davvero popolare, o forse sì ma non ho saputo pubblicizzarlo in maniera adeguata.

Continua a leggere