Pubblicato in: costruire un brand, editore di se stesso

Servono ancora le agenzie letterarie?

Ho avuto esperienza di agenzie letterarie anni fa, quando il Web muoveva i primi passi, e non c’era l’abbondanza di risorse di adesso. Per capire qualcosa, soprattutto per avere un giudizio sulla propria scrittura che non fosse consolatorio (gli amici, i conoscenti), non si poteva che rivolgersi a esse. La scelta cadde su <a href=”http://www.grandieassociati.it/”>Grandi e Associati</a>: non so perché. Ci frequentammo per qualche anno, finché decisi di lasciar perdere scrittura e lettura. Per anni non ho scritto più nulla, ho evitato anche di leggere. Ma questo non c’entra con quello che volevo dire.
Il titolo del post è: servono le agenzie letterarie?

Si tratta di servizi a pagamento, forniti da professionisti, in un tempo ragionevole. Alla fine, hai la tua bella scheda di lettura, in cui il tuo testo è in un certo senso, sviscerato. Rileggendo i loro giudizi (ho conservato tutto), non posso che confermare la qualità del loro lavoro. Attenzione: le agenzie letterarie serie non promettono un bel niente, e se qualcuno agisce diversamente, c’è qualcosa che non va. Lo scrivo perché il Web rigurgita di persone e servizi che a pagamento, promettono di tutto e di più. Dico solo: cautela. Molta cautela, meglio ancora diffidenza.
Ricordo che l’ultima scheda mi spronava a proseguire; infatti scelsi di mollare tutto. Il lavoro non mi permetteva di agire diversamente; o forse avevo fretta di arrivare da qualche parte?
I tempi sono cambiati, e adesso non mancano forum, o servizi alternativi, in grado di fornire assistenza o giudizi. Gratis, oppure a prezzi modici. Quindi le agenzie letterarie sono superate?
Difficile rispondere in maniera esauriente. Bisognerebbe conoscere in maniera più approfondita la situazione dell’editoria, che adesso assiste all’arrivo (prepotente) dell’ebook. Ma credo che il loro ruolo resti essenziale, non solo per il parere che possono dare. Bensì per le opportunità che offrono: solo a chi ha talento, ovvio.
Qualcuno che si è rivolto a esse, è riuscito a firmare un contratto con una casa editrice? Può darsi, ma lo ignoro. Di certo per ottenere un tale risultato occorre avere:

  1. talento in qualità industriali;
  2. una storia superlativa.

Un’agenzia letteraria non rischia di perdere la faccia per spingere un incapace. Secondo me.

Advertisements

Autore:

Raccontastorie

6 pensieri riguardo “Servono ancora le agenzie letterarie?

    1. Adesso con blog, forum e Web forse potrebbero modificare la loro natura. Diventare (perché no?) editori saltando… l’editore! Ma vedremo col tempo.

  1. Decisamente non vi è chiara la funzione di un agente letterario. La valutazione di un manoscritto è solo una parte del lavoro di un agente. Se il libro ha delle potenzialità un’agenzia cerca un editore serio, tutela l’autore, tratta con l’editore ogni singola clausola del contratto di edizione, gli anticipi e le percentuali; si occupa di rendiconti e pagamenti. Gestisce i diritti secondari. La agenzie letterari esistono ovunque da tempo. Negli Stati Uniti e in Inghilterra le casa editrici non accettano autori se non sono rappresentati. In Italia, se parliamo di editori seri, si sta andando nella stessa direzione.
    I forum, i blog, i siti per esordienti in generale non servono a nulla.

    1. In realtà mi è chiarissima la funzione dell’agenzia letteraria, dal momento che per anni ho fatto ricorso ai loro servigi. E nel post ho spiegato che non ho mai avuto nulla da eccepire a proposito della bontà del loro lavoro. Tra l’altro ho scritto:
      “credo che il loro ruolo resti essenziale”.
      Però i tempi sono cambiati. Le stesse agenzie letterarie negli USA e in Italia (proprio Grandi & Associati) stanno riflettendo su cosa fare con l’avvento del digitale nell’editoria. Negli Stati Uniti alcune stanno già pensando di “far fuori” l’editore e ricorrere direttamente ad Amazon.
      Per quanto riguarda forum, blog e siti, la questione è complessa. In generale sono utili perché forniscono dritte e informazioni. Poi è evidente che ci deve essere del talento in quantità colossali, e buona parte dei forum servono solo a darsi pacche sulle spalle e a scambiarsi salamelecchi.

  2. Ti posso assicurare, per esperienza personale, che l’avvento del digitale non esclude per niente l’intervento di un agente. Il capitolo e book viene trattato – a parte – con grandissima attenzione ormai da mesi; è parte integrante di un contratto di edizione. I più grandi editori, in Italia e in ogni parte del mondo, si stanno muovendo in quella direzione. Un agente è ancora indispensabile.
    L’auto-pubblicazione, anche attraverso Amazon e un e book resta auto-pubblicazione. Ovvero: io scrivo bene e pubblico da solo e me ne infischio se editori e agenti dicono il contrario.
    L’editoria vera è un’altra cosa.
    Ad ogni modo citi un’agenzia che ha un modo assolutamente opinabile di lavorare. Chiede centinai di euro per una valutazione e nella maggior parte dei casi propone editing senza assicurare la rappresentanza.
    Nonostante la sua storia non è un buon esempio.
    Per niente.
    Naturalmente ognuno è libero di fare ciò che vuole ma il loro comportamento resta opinabile.
    Non tutti gli agenti lavorano così. Non si dovrebbe lavorare così.
    Oltretutto rappresentano solo autori italiani, e in Italia il mercato degli e book è solo all’inizio. Non vedo come possano essere all’avanguardia.

    1. È quello che penso pure io: l’agente letterario c’è, e ci sarà.
      Per quanto riguarda l’agenzia a cui mi ero rivolto negli anni ’90, di certo è cara, ma allora era l’unica voce autorevole cui rivolgersi per capire se “scarabocchiavo” oppure combinavo qualcosa di almeno decente. Dopo di allora ho smesso di ricorrere ai loro servigi. Però ripeto: se rileggo le loro valutazioni concordo in tutto e per tutto.
      L’auto-pubblicazione: ciascuno è libero di agire come meglio crede. L’essenziale è capire che serve solo come esperienza, per provare l’ebbrezza di annunciare: “Ho pubblicato”. Se si desidera fare sul serio, scrivere ad alto livello, oltre al talento occorre affidarsi a dei professionisti. Che naturalmente aiutano solo se c’è del talento in quantità enormi. E leggere tantissimo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...