Pubblicato in: buona scrittura, cassetta degli attrezzi

Come scrivere un racconto – Raymond Carver /5

Per quale ragione dedicare un post (una lezione) a una frase tanto banale?

Wes si è messo a piangere

In inglese:

Wes began to cry

Cosa c’è da imparare in queste poche parole? Molto, a dispetto delle apparenze.
Quando si scrive non c’è nulla che possa essere definito semplice. Sono quasi certo però che due siano le trappole mortali per chi si avventura nella narrazione.

La prima è quella che riguarda i bambini. Scrivere di bambini, farli parlare, è come ballare il tip tap su un campo minato. Dopo essersi bendati.
Il rischio di mostrarli come adulti in miniatura, è reale e spesso ci si cade dentro con tutte le scarpe. Eppure quello è il rischio minore.

La catastrofe si presenta quando sono raffigurati come se fossero dei piccoli idioti. Immagino accada perché non avendo alcuna cura o interesse per l’efficacia narrativa, si fa parlare il bambino nel modo in cui NOI ci rivolgiamo a lui.

È capitato a tutti di incrociare un bambino, rivolgergli la parola e parlare in quel certo modo banale, piatto, esattamente come se ci trovassimo alle prese con un’intelligenza inferiore. Per non tramortirla, si riempiono le frasi di spaventose scemenze. Diminutivi, storpiature e via discorrendo.

Se questo diverte (noi), e sembra funzionare, sulla pagina scritta (quindi all’interno di una narrazione che abbia qualche aspirazione a essere almeno decente) fallisce miseramente.

La seconda trappola si verifica quando si deve ritrarre un personaggio che vive dei sentimenti brucianti. Come il pianto.

In questo caso si cerca di uscirne ricorrendo all’abuso di parole. Forse perché siamo bombardati dalle immagini, e questo agisce in modo sottile anche sulla nostra scrittura. Ci si convince che certi sentimenti sono più reali se le parole sono messe in fila per bene e riempiono lo spazio bianco della carta come un reggimento.

Wes si è messo a piangere

A me questa frase regala uno strano sentimento. Una specie di schiaffo. Registra un fatto: si è messo a piangere e questo ha convinto Edna a offrirgli un’altra possibilità.

È uno degli esempi (dei tanti esempi) di quella scuola di pensiero che dice più o meno: “Mostra, non parlare”. Dostoevskji forse ci avrebbe calato nella testa di Wes e mostrato la tempesta di idee, sentimenti che la dilaniavano. Wes che tortura il cavo del telefono, si percuote la testa, e pensa:

Sapeva di essere indegno. Un inutile piccolo uomo, uno scarafaggio che meritava di essere pestato, spiaccicato, e lui lo avrebbe accettato, purché fosse Edna a pestarlo, sino a ridurlo a poltiglia. Egli bramava il dolore, sapeva che solo quello lo avrebbe salvato e saziato, e lo avrebbe ingollato fino a scoppiare, a farsi schizzare gli occhi fuori dalle orbite. Purché Edna gli sorridesse, gli regalasse uno sguardo ancora. E poi avrebbe accettato tutto. Tutto. Per l’eternità avrebbe accettato il supplizio, il dolore e l’umiliazione, purché venisse da lei! Da lei! E allora si mise a piangere.

Carver invece scrive:

 Wes si è messo a piangere.

È un punto quasi insignificante del racconto “La casa di Chef” (e siamo sempre alla prima pagina). Si legge e si passa oltre, desiderosi di vedere come andrà a finire. Che ne sarà di Wes, Edna e chi è questo Chef. Ma leggere un racconto significa fermarsi e imparare ad affrontare i sentimenti dei personaggi.

La reazione di Wes convince Edna a dargli un’altra possibilità.

Le piccole cose, la bellezza delle piccole cose, dei dettagli insignificanti verso cui non si ha mai abbastanza attenzione. È quella che è necessario imparare nella lettura: l’attenzione. La cura.

Come scrivere un racconto – Raymond Carver /4

Come scrivere un racconto – Raymond Carver/6

 

Advertisements

Autore:

Raccontastorie

6 pensieri riguardo “Come scrivere un racconto – Raymond Carver /5

  1. Scrivere di bambini è molto difficile, farli dialogare anche. Per me resta sempre la relatà un punto di riferimento, ascoltare come parlano, come agiscono, ricordare come parlavamo e agivamo noi, ma forse i ricordi distorcono la realtà.

    La traduzione italiana, secondo me, è sbagliata 🙂
    Sbagliati i tempi.

    1. Il problema è che osservare la realtà non lo fa più nessuno. Viene filtrata dalla televisione, come diceva già Gardner. Quindi molti finiscono col parlare di un’altra cosa, ma non della realtà.

      Sai che non ho capito quale traduzione è sbagliata? Sarà che sono un po’ stanco?

  2. Wes began to cry: Wes cominciò a piangere, letteralmente. Passato, quindi.

    Wes si è messo a piangere: mi sembra che sia un po’ diverso come tempo. E’ un presente. In un’azione narrata al passato ci può stare: “ieri ho visto Wes e appena sono entrato si è messo a piangere”. Fila.

    Ma se fa parte della narrazione, se è il narratore che lo dice, il traduttore ha cambiato i tempi verbali.

    1. Ho controllato per essere certo di non aver sbagliato io a trascrivere. In italiano è proprio così: “Wes si è messo a piangere”. Mi era venuto il dubbio di essermi preso io qualche licenza poetica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...