Pubblicato in: costruire un brand, editore di se stesso

La narrativa non offre risposte

Quale problema risolve “Moby Dick”? Nessuno.
Si chiude lasciando in chi legge più domande di prima, e questo non è certo un problema. Anzi, spesso un autore deve porre le giuste domande, a un pubblico impegnato a seguire quelle sbagliate, così come sono errate le risposte e le soluzioni. Sono quasi certo che nel giro di qualche tempo balzerà fuori qualcuno che ne chiederà il bando perché lì si cacciano le balene, e i cuoricini potrebbero sentirsene turbati.

I problemi della scrittura

Ha ragione Cechov quando afferma che chi scrive per offrire risposte, lo fa perché non ha alcuna consapevolezza delle domande, vale a dire dei problemi. Per prima cosa dei problemi che pone la scrittura.
Oppure se per caso ha questa consapevolezza, ne ricava una visione semplificata. E per costui o costei, la narrativa è solo un veicolo che dovrebbe condurlo al successo.
Quello che pochi comprendono è che ogni storia ha i suoi problemi, e questi sono già complessi e di non facile risoluzione. Un dialogo, una scena, sono trappoloni cosmici nei quali si cade a capofitto, e per uscirne con qualcosa di decente occorre sputare sangue.Tutto questo si dissolve se scrivo per fornire le risposte. Il mondo adora avere risposte già pronte perché pensate da altri, così come va in brodo di giuggiole per gli ascensori, le diete che fanno perdere peso senza fatica, e le scale mobili. Illudono di ottenere tutto senza pagare alcun prezzo.
Come recita un vecchio adagio del marketing: se è gratis, tu sei la merce.
C’è un altro punto importante del quale parla Cechov: la consapevolezza dell’autore. Questi deve impostare le questioni nel modo migliore, per questo motivo abbiamo i classici. Che non sono tali perché vecchi e sopravvissuti a guerre e cataclismi, ma perché le questioni che trattano, ricevono la giusta luce. La prosa è quella adatta, non solo perché non ci sono errori grammaticali, ma perché ogni parola riesce a essere efficace.

Chi scrive, deve scrivere

Esatto! Ancora una volta ribadisco il concetto che chi scrive deve occuparsi solo di scrivere. Lo so, non è corretto, non è carino, ma d’altra parte un autore con un briciolo di buonsenso e ambizione ha già capito che non può esserlo. Dovrebbe essere come uno squalo che compare al largo di Rimini il 3 luglio: questo sì che è davvero carino. L’essere uno squalo gli permetterà di divorare quanti pensano che:

Scviveve è uno schevzo, non ci vuole niente, pevciò lo scvittove deve fave qualcosa di più pev gli altvi. Impegnavsi, pevbacco.

Ciascuno faccia quello che vuole. L’impegno è una faccenda seria, ma scrivere lo è altrettanto, anzi di più. Perché la buona narrativa ricorda che i piedi caldi e la pancia piena non bastano, e se anche si arriverà a realizzare una simile società, la fame di bellezza, di arte, divorerà sempre il cuore delle persone.

Advertisements

Autore:

Raccontastorie

6 pensieri riguardo “La narrativa non offre risposte

  1. Anzi, si potrebbe dire che i classici sono sopravvissuti a guerre e cataclismi proprio perchè pongono domande sempre attuali nel modo migliore 🙂 al liceo mi hanno fatto studiare tanti libri “vecchi”, ma non tutti erano classici, perchè non tutti sono capaci di parlare ai lettori oggi (la brutta abitudine scolastica di far studiare solo la letteratura italiana, a scapito dei grandi capolavori internazionali, non la capirò mai).

    Mi piace

    1. Vero, però cosa scegliere tra i capolavori internazionali? I Francesi? Gli Inglesi? I Russi? Tutti questi? E gli altri: i Greci, gli Statunitensi, gli Spagnoli? E poi: l’India! Magari l’India la lasciamo fuori perché non è Europa?
      Un bel problema. Se la scuola riuscisse a dimostrare che la lettura aiuta l’individuo (se e quando questi decide di usare il cervello), a essere migliore, io sarei già contento! 🙂

      Mi piace

      1. Già se scegliessero un po’ di tutto (almeno le basi, uno dei capolavori nazionali di ogni paese) sarebbe un passo avanti. Purtroppo la scuola è fatta da individui, e molti di loro si ritrovano insegnanti e dirigenti per puro caso.

        Mi piace

      2. Lo immagino. Spesso per molti insegnanti, l’insegnamento è quella seccatura che separa dal pensionamento. Quando facevo il volontario in un doposcuola di Savona, mi era capitato di trovare insegnanti fantastici e altri… Be’, sorvoliamo 🙂

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...