Pubblicato in: buona scrittura, cassetta degli attrezzi

Credere all’autore

L’accettazione non dipende dalla plausibilità. (Eudora Welty)

 

Vecchio problema che certi lettori volentieri riesumano per criticare alcune opere letterarie, e quindi il loro valore. Non sarebbero plausibili, quindi sono sciocchezze. È un mezzo, uno dei tanti, per cercare di rendere vincente l’ideologia che dice: “Occorre scrivere di ciò che si conosce”.

In questa maniera la storia sarà acclamata dal pubblico pagante perché plausibile. Avrà successo e tutti saremo tanto felici. Se questo può sembrare a prima vista del tutto ragionevole, in realtà segna un altro duro colpo alla narrativa, perché distrugge il ruolo dello scrittore.

Siccome costui non è uno con un talento o un dono particolare, ma “uno che scrive cose plausibili”, è essenziale renderlo uno dei tanti. Altrimenti, se al contrario si accetta che ci sia del talento, il passo successivo e del tutto naturale sarà quello di credere allo scrittore.

Ma se si crede in una persona che scrive, in quello che scrive, e che si presenta in quel preciso modo e forma non grazie (solo) alla volontà, ma ad altro, a me pare che si metta in discussione un bel po’ di roba.

Qualunque persona sana di mente sa che i Greci non attaccarono la città di Troia per una donna. Ma perché era un punto nevralgico dei traffici dell’epoca, e bisognava eliminarla. Omero ci racconta quindi una storia che non è plausibile, la decora e si inventa un rapimento, e l’onore da lavare.

Per quale ragione la leggiamo? Per l’efficacia e il valore che racchiude, perché quello che ci comunica è forte anche adesso. Attenzione: Omero comunica agli individui del XXI secolo. Sappiamo quello che è accaduto, degli assedi di quella città. Ma quando apriamo l’Iliade facciamo qualcosa di leggermente folle.

Crediamo nell’autore.

Credere, affidarsi, vuol dire riconoscere una perizia e un talento che non sono alla portata di tutti. Ci si espone: come autore, ma anche come lettore. L’autore, soprattutto agli inizi, si gioca tanto. Al di là delle chiacchiere deve dimostrare di essere in gamba. E chi legge accetta la storia contando sulla capacità (talento) di chi scrive.

Se non si accetta questo fattore ingombrante (il talento) non c’è narrativa e neppure arte. Solo intrattenimento.

 

Annunci

Autore:

Raccontastorie

2 pensieri riguardo “Credere all’autore

  1. Finalmente qualcuno che lo dice. Sono circondata da lettori urticanti che reputano poco credibile o stupida qualsiasi cosa, e in base al proprio giudizio (che è del tutto soggettivo, ma non se ne rendono conto) butterebbero nel cesso dei capolavori. Si infuriano particolarmente di fronte al comportamento dei personaggi, non perchè “sopra le righe” o “poco convincente”, ma perchè “oh ma che cretino non se ne accorge che comportandosi in quel modo va a finire male”. Come se loro fossero in grado di pianificare al millimetro la propria vita o non fossero mai in preda a emozioni più grandi di loro. Spesso mi chiedo perchè si spendono ancora a leggere.

    Mi piace

    1. Più passa il tempo, e più mi convinco che occorre creare delle scuole di lettura, non di scrittura. Le persone non si rendono conto che in un incipit, in un dialogo, niente è per caso. Poi esistono dialoghi infelici e quelli perfetti, incipit che ti folgorano e quelli che si lasciano leggere (e il resto a volte è comunque meraviglioso). La parola sembra facile…

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...