Pubblicato in: buona scrittura, cassetta degli attrezzi

Le minuzie che contano

(…) si riscosse, non rispose nulla.

 

Lo so, sono minuzie. Se però si prova a leggere ad alta voce questa frase, qualcosa attira l’orecchio. Allora gli occhi ripassano per due, tre volte le parole, finché non trovano la soluzione:

 

riscosse

rispose

 

Esatto, minuzie. Non è il caso, eccetera eccetera. O sì? I lettori non badano a questi dettagli. Vero: però è meglio che ci badi l’autore. Perché poi trova il lettore che invece ama da morire questo genere di attenzioni. Questo amore per la parola, persino per i suoni. E se tutti cercano un editore, dovrebbero almeno avere altrettanta cura per chi legge, o meglio: per una piccola categoria di lettori. Quello attenti. In Italia credo non siano più di 700…

Sono quasi certo che certe cose riescano comunque a sfuggirmi, e quindi ci sarà di peggio. A volte, dopo mesi riprendo un racconto e trovo delle cose che non si possono e non si devono condividere. Mi accompagneranno nella tomba, e ne sono felice; ma sono talmente tante che alla fine credo che ci starò stretto.

Siccome si scrive per tendere all’arte, questi aspetti non possono essere tralasciati. E anche se in un primo momento dici: “Al diavolo, ho letto quel libro dove c’era di peggio!”. Dopo qualche minuto, o forse sono giorni, torni sui tuoi passi.

“Ma io non sono quello là!” E correggi.

Ecco perché bisogna lasciar riposare una storia. Rileggerla con calma, meglio ancora stamparla e procedere con il celeberrimo sistema della matita e del righello. E se si hanno un paio d’occhi disposti a darci un’occhiata, meglio ancora.

 

Annunci

Autore:

Raccontastorie

4 pensieri riguardo “Le minuzie che contano

  1. Molto bello e molto vero, Marco. Post ispirante.
    Mi fa riflettere anche su quanto conti anche la lentezza e quanto una certa lentezza nel leggere avvicini alla profondità di un testo e alle sue minuzie. Anche se un testo scorre e ti travolge, rimane sempre un bene rallentarlo, diventare parte altra e sensibile del suo tempo e intrattenersi sempre di più dentro le sue parti più minute, quasi a scomparirvi.
    saluti
    luigi

    Mi piace

  2. Buongiorno Marco.
    ho scoperto da qualche giorno questo blog: davvero molto bello ed interessante!
    Penso imparerò moltissimo sulla scrittura.
    Davvero complimenti.
    Un caro saluto,
    Giuseppe.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...