Pubblicato in: buona scrittura, cassetta degli attrezzi

Il distacco dalla realtà

Non è sufficiente affermare che si scrive per il lettore. Anche perché, come amo ripetere, forse persino troppo, lui non sa quello che vuole. Esiste il rischio che il cieco accompagni il cieco, e questo conduce a più di un problema, vero? Buona parte di quello che si trova in libreria è frutto di cecità, perché non si deve vedere oltre la superficie delle cose.

E se non vai oltre, sei cieco.

Come diceva zia Flannery (O’Connor) il lettore deve essere consapevole che esiste un prezzo da pagare per essere ricondotto alla realtà. E per questa ragione cerca sempre qualcosa che lo porti via dalla realtà.

Lo so, non c’è niente di male a farsi due risate. A distrarsi. A staccare la spina e via discorrendo. Però quando esiste un sistema che persegue questo scopo, e liquida certe tragedie con l’etichetta del “buonismo”, e la gente annuisce, possiamo affermare con tranquillità che la missione è compiuta.

Il distacco degli individui dalla realtà è riuscito alla grande.

Una certa letteratura, dovrà per forza accettare di essere ai margini. Non perché sia bello, oppure perché le piace essere emarginata. Ma perché ricondurre le persone alla realtà richiede impegno (da parte di chi scrive) e non è detto che conduca al consenso. Anzi.

Scrivere per il lettore vuol dire provocare nel suo lindo panorama, costruito per lui da chissà chi, una frattura. Non è detto che la veda, e anche se accade non è detto che accetti di guardare attraverso quello spiraglio. Probabilmente, sceglierà di ignorarla. Anche avvicinarsi a essa ha un costo perché costringe a riconoscerne la debolezza. Di solito, la reazione è quella della rabbia, dell’irritazione.

 

“Ma perché questo tizio scrive di cose così tristi. Come se non ce ne fossero già a sufficienza nella vita quotidiana”.

 

Forse la tristezza della vita quotidiana nasce anche dal fatto che non si scorge cosa c’è dietro…

 

Annunci

Autore:

Raccontastorie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...