Pubblicato in: costruire un brand, editore di se stesso

Non è sufficiente la penna facile

“Quello ha la penna facile, diventerà uno scrittore”, si dice.

Uno degli elementi che di solito viene considerato rivelatore di talento è proprio la “facilità” con la quale si riempiono pagine su pagine. Fosse così semplice.
È uno degli elementi che aiuta ma a parte questo, non è certo sufficiente.
La parola è una brutta bestia, e si crede che conoscendo regole grammaticali e di sintassi, oltre ad avere una buona o ottima padronanza della lingua, sia in mano nostra. Che sia stata domata.
Magari.

La parola pretende impegno

Non è facile definire che cosa diavolo sia il talento, e ciascuno è persuaso di averlo. Tuttavia, occorre possedere una capacità non comune di sopportare l’impegno che la parola pretende.
Raccontare una storia è una delle attività più pericolose che esistano. Lo so che c’è di peggio, e infatti quando parlo di “pericolo”, intendo al rischio di scrivere di tutto e di più, tranne che narrare una storia.
Attenzione: non voglio affermare che sia necessario possedere la volontà. Si ripete spesso che sia l’unico criterio che conduce al conseguimento dei propri obiettivi. I grandi autori, si dice, lo sono diventati perché non hanno mai mollato.
Lo sono diventati perché possedevano un talento smisurato, e non hanno mai mollato. Che poi la mancanza di talento possa spalancare le porte di una casa editrice, lo so bene. Se guardo a quello che si trova in libreria, lo capisco al volo.

Scrivere vuol dire… Scrivere!

A molte persone sfugge l’aspetto “pratico” della scrittura. Voglio dire: al di là della retorica con la quale la scrittura viene circondata, bisogna costruire una macchina narrativa.
Anche se può sembrare “divertente”, alla lunga l’impegno che richiede la parola, l’ossessione che scatena, spesso allontanano le penne facili. Una macchina narrativa vuol dire un organismo non perfetto, ma che sia capace di andare da qualche parte, anche se la storia può svolgersi in una stanza. Ma deve svelare un organismo vivo. Capace anche di rallentare; di zoppicare in certi punti. La perfezione dei grandi autori non esiste, nemmeno Tolstoj o Zola erano perfetti.
Gli aspetti “pratici” della narrazione si imparano attraverso la lettura, certo; la scrittura, si capisce. E il talento.

Advertisements

Autore:

Raccontastorie

5 pensieri riguardo “Non è sufficiente la penna facile

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...