Pubblicato in: buona scrittura

La storia è un’anguilla

Se si deve correggere, per quante volte bisogna farlo? Buona domanda. Una risposta diretta non credo che sia possibile però, tuttavia non è folle cercare di arrivarci per via un po’ traverse, diciamo.

Una storia, non importa la sua lunghezza, dovrebbe sempre comunicare (e fino a qui direi che ci siamo), ma comunicare bellezza. E a questo punto già cominciano i problemi, perché per molti non esiste una definizione di bellezza.

Si confonde cioè il gusto personale (“Non mi piace”), con la bellezza. Non è affatto la stessa cosa, e qui potrebbe partire un numero infinito di post, ma non è mia intenzione farlo. Non sono così bravo, e soprattutto, è al di là delle mie forze e capacità

Tuttavia.

La bellezza non è qualcosa di astratto, poiché noi non siamo “astratti”. Se un quadro ci colpisce è perché attraverso i sensi arriva a noi. Ci colpisce. La bellezza ha questo di bizzarro: ti tira una mazzata in testa, ti volti e non c’è nessuno. I bravi autori (Dostoevskij, Tolstoj, Cormac McCarthy) ti colpiscono. Non è affatto detto che scrivano di cose belle anzi.

“La morte di Ivan Ilic” è bella? No. È bellezza? Sì. Per quale ragione?

Come è riuscito quel satanasso di Tolstoj a scrivere qualcosa di tanto prezioso?

Probabilmente, è riuscito nell’impresa perché ha sorvegliato tantissimo la sua scrittura. Ha lavorato duro per fare in modo che il tema di quel racconto, restasse sottochiave, sotto il suo controllo quindi. La storia è un’anguilla, e le piace sgusciarci via dalle mani. Quando accade, non si riesce a colpire il bersaglio; si scrive una storia, si capisce, magari pure gradevole, perché no. Non c’è nulla di male vero?

La correzione non è (solo) la pratica di eliminare ripetizioni, errori, refusi… È il processo grazie al quale la storia assume una profondità e un’ampiezza maggiori.

Annunci

Autore:

Raccontastorie

4 pensieri riguardo “La storia è un’anguilla

  1. Ciao, Marco. È molto interessante questo post. Il senso dell’esprimersi è fatto di situazioni spesso impalpabili, che diventano belle dopo essere passate per territori ardui e poco attraenti, e quindi lontani da uno standard rassicurante e riconoscibile di bello. Ciascuno avrà la sua idea di bellezza. Il grosso problema di oggi, è quella di richiedere e di ricercare standard precostituiti di bellezza omogenizzata e deglutibile, semmai commestibile senza l’uso dei denti, che sia fatta di tutto quello che si crede e si ottimizza bello e deglutibile, senza sforzo, ma che sia snello, originale, ritmico, efficace. Questo è il bello che si cerca, un bello facile, poco impegnativo e possibilmente economico e generoso. In questo modo si predilige la bellezza visibile di un certo linguaggio, possibilmente performante, contro il mistero insondabile dell’altra, che spesso non si vede e non si avverte, ma che nel profondo c’è. Un processo di scrittura è molto spesso la verifica dolorosa di una mostruosità nel bello e del bello, che ne riveli, nel contrasto, il possibile ostinato splendore.
    Un saluto cordiale e di grande stima.
    luigi

    Mi piace

    1. Concordo su tutto. E tutto nasce (forse) quando si inizia a dire che “tutto è cultura”. È come abitare a Milano e affermare che tutto è pianura. Così non è, e una certa letteratura non è alla portata di tutti esattamente come la montagna. Alla fine, cultura è anche affermare che esiste la montagna, sapendo che non è un ambiente per tutti, e che probabilmente si resterà ai margini.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...