Pubblicato in: buona scrittura

Una volta

Una volta, essere ignoranti era una vergogna, e il fine di un individuo, se e quando ne aveva la possibilità, era di affrancarsi da una simile condizione. Si studiava. Si leggeva. Si tentava con ogni mezzo di abbandonare questo stato per approdare a qualcosa di meglio.

Una volta.

Sembra che le cose siano cambiate a tal punto che l’ignoranza non è considerata tale, ma si cerca solo di acchiappare i privilegi, o meglio certi privilegi, in ogni modo. E i risultati sono concreti e visibili a chiunque.

Come scriveva George Orwell: “L’ignoranza è forza”.

Che cosa è successo non è difficile da comprendere. Certo, la televisione e via discorrendo. Soprattutto, abbiamo scelto.

Non ho mai creduto che la televisione sia l’origine di tutti i mali; è un modo abbastanza raffinato (ma c’è di meglio) per assolverci. Credere che il male sia là fuori, mentre invece alberga in noi, dialoghiamo con lui anche nel sonno, e a volte lo abbracciamo.

Perché è affascinante.

Un individuo sceglie una cosa anziché un’altra perché gli conviene. E la scelta cade su ciò che lo avvicina agli altri, invece di allontanarlo.

Esistono percorsi difficili che si affrontano in solitudine. Senza alcun tornaconto e successo. Lo si fa perché perché richiedono un impegno non comune. Perché piace l’idea di affrontarli.

Oppure perché esistono, e basta. Come lo scalatore che affronta la montagna perché “È lì”.

Annunci

Autore:

Raccontastorie

2 pensieri riguardo “Una volta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...