Pubblicato in: buona scrittura

Non fare molto, ma fallo al meglio

Lo so. Un po’ dappertutto si dice e si scrive che nell’epoca del Web è necessario esserci, e pure esserci in maniera costante e massiccia. Pubblicando post quotidiani, per esempio.

Però occorre essere realistici e considerare le proprie possibilità: di tempo, tanto per iniziare. Scrivere un post non è come soffiare dentro a un palloncino…

E allora non preoccuparti di “quanto” fai, ma cerca sempre di fare quello che sai e conosci, al meglio. E ricorda sempre che il Web permette di “viaggiare”, di andare lontano ma a condizione che i tuoi contenuti siano ottimi. Ecco perché non devi affatto preoccuparti di essere “sempre sul pezzo”, e di pubblicare aggiornamenti ogni giorno.
Non imitarmi.

Certo, non mancano esempi di chi ha iniziato proponendo contenuti quotidiani, e più volte al giorno. Spesso costoro erano i primi nella loro nicchia. Avevano tempo (rivolgiti sempre questa domanda: “Quanto tempo ho da dedicare a un blog?”. E scegli sempre la risposta più negativa: di solito è quella più lontana dall’entusiasmo, e più vicina alla realtà). O risorse. O entrambe.

Alcuni vantaggi del fare le cose al meglio:

  • Vieni ricordato con maggiore facilità. Se pubblichi sempre, tutti i giorni, rischi di diventare una voce delle tante. È complicato (non impossibile) riuscire a restare sempre su livelli eccellenti. Occorre tempo, e spesso il tempo manca. Se al contrario ti concentri sulla qualità, quando i tuoi nuovi contenuti appariranno i lettori si ricorderanno di te, e accorreranno a leggere che cosa hai pubblicato;
  • Dimostri che hai a cuore l’argomento che affronti. E non hai bisogno di sommergere i tuoi lettori sotto una valanga di post. Lo tratti con cura, senza fretta, e rispetti chi ti legge.
  • Se hai a cuore un certo argomento, spesso è più facile comunicarlo, vero? E i lettori riconosceranno in te una persona che ha qualcosa da dire, e lo fa se e quando ritiene di poter comunicare un punto di vista, un’opinione, un progetto, un’idea. Altrimenti, tace.
  • Infine: quando ti concentri sulla qualità, riesci a produrre contenuti con maggiore facilità. Perché hai stabilito obiettivi, priorità, e sai che quello che pubblicherai sarà il risultato di un impegno che ha a cuore non i numeri. Ma ti garantirà, presso i tuoi lettori una considerazione maggiore.

Come vedi anche qui parlo di “lettori”, ed evito con cura i numeri. Anche tu, lasciali perdere.
Se accadrà (ma è difficile) che d’un tratto ne arrivino 200.000 a leggerti, sarà perché hai tenuto dritta la barra, in direzione della qualità. E se sarai tentato di dire: “Be’, è stato un bel colpo di fortuna”, stai già per imboccare la china del declino.

È stata la qualità, non la fortuna.

Annunci

Autore:

Raccontastorie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...