Pubblicato in: buona scrittura, editore di se stesso

Perché scegliere l’autopubblicazione

Qualche giorno fa davo un’occhiata a certa roba che scrivevo negli anni Novanta: imbarazzante, certo.

E mi è capitato di rileggere certe valutazioni di un’agenzia letteraria a proposito di quanto avevo scritto.

L’autore terminava affermando che se in una libreria avesse trovato i miei libri, li avrebbe acquistati e letti con piacere. Ma il mercato andava da un’altra parte.

Il mercato va sempre da un’altra parte, non è vero?

Scegliere l’autopubblicazione

Ecco perché l’auto-pubblicazione dovrebbe essere praticata. Il mercato va da un’altra parte. Quello che io scrivo (o che scrivi tu) non ha un mercato sufficientemente ampio da giustificare gli investimenti. Detto brutalmente, il gioco non vale la candela.

Non puoi essere Neil Young, i Credence Clearwater Revival o Bruce Springsteen. Puoi essere un bravo musicista che sa il fatto suo. Che s’impegna, ci sa fare, ma non a quei livelli cosmici. Adesso, grazie al Web, puoi esserci.

Esiste un mercato per (quasi) tutto. Non è grande, si tratta infatti di nicchie. È un problema? Non credo. Non smetterai di fare il tuo lavoro probabilmente, e ti dovrai dedicare a quello che adori solo nei ritagli di tempo. Anche Raymond Carver per lungo tempo, ha dovuto arrangiarsi. Flannery O’Connor scriveva quando usciva dall’ospedale. Se non sei nelle loro condizioni (e quelle di Carver non sono state semplici, neppure quelle della O’Connor), ritieniti fortunato, e invece di recriminare contro l’editore cattivo, rimboccati le maniche.

Il bello della nicchia

La nicchia è un ambiente che ti permette di crescere. Non hai necessità di procedere di fretta, oppure di dover per forza stare a sentire quello che il mercato “vuole”. La nicchia è composta di persone: certo, anch’esse possono essere “pericolose” perché spesso possono tendere a pretendere che tu scelga un percorso che piace a loro. Quasi te lo impongono e sei indotto ad accettare.

Ma credo che tu abbia sufficiente spina dorsale e sale in zucca per capire la trappola, e pronunciare un fermo: “No, grazie”.

La nicchia, dicevo, è un luogo dove puoi costruire con tranquillità il tuo capitale sociale. La sua dimensione ridotta ti permette di capire meglio punti di forza e debolezze, e lavorarci. Sei lontano dalle luci della ribalta, ed è una fortuna (tanto non ci arriverai mai), perché ti aiuta a guardare con obiettività a quello che è genuino. Credo anche che proprio i suoi confini così ristretti, servano anche a distinguere meglio il vero dalla menzogna.

Il bello della nicchia è che non ti disturberà mai troppo. Si muoverà attorno a te in punta di piedi. Sussurrando. Difficilmente alzerà la voce (ma potrebbe succedere). Insomma, è una condizione ottima, che è disprezzata solo da quanti (e sono la maggioranza), prediligono i numeri alle persone.

Annunci

Autore:

Raccontastorie

4 pensieri riguardo “Perché scegliere l’autopubblicazione

  1. Questo senso d’imbarazzo nel rileggere i propri testi lo provo spesso anch’io.
    Noto ripetizioni e banalità; e ne sono contenta, vuol dire, penso, che nella scrittura sono migliorata.
    Non solo, ma riprendere i vecchi testi non m’interessa più, li lascio lì nel mio passato e scrivo cose nuove, sperando di scriverle meglio.
    Buona domenica.

    Mi piace

    1. Anche io ho cercato di metterci di nuovo le mani, ma è impossibile. Non ci riesco. Mi spiace un po’, ma pure io mi auguro di fare un po’ meglio di allora.
      Buona settimana!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...