Pubblicato in: buona scrittura

Che cos’è un racconto

Non è la cronaca di un fatto avvenuto.

Rispondeva così Flannery O’Connor a chi le chiedeva di definire cosa sia un racconto. E questo complica parecchio le cose, per chi inizia.

In realtà, le semplifica. Basta avere il giusto sguardo.

E la giusta ambizione. Insomma: se scrivere è semplicemente fare la cronaca di quello che è avvenuto, a me verrebbe da sbadigliare. Perché dovrei raccontare qualcosa del quale conosco già il finale. Non si tratta di una barzelletta. Ecco: la mia idea è che molti immaginino la scrittura di un racconto come una barzelletta che dovrà smascellare dalle risate chi ascolta.

Se perciò il tuo scopo è scrivere barzellette, va bene. Puoi continuare. Conosci il finale, io che leggo no, e alla fine avrò guadagnato una risata. Mica poco.

Per tutto il resto, sapere come va a finire non è una buona idea.

Se non ho la più pallida idea di quale sarà il finale, oppure che cosa ci sarà nella pagina seguente, mi sfrego le mani. Anzi: la pagina bianca (“E lì, adesso, che ci metto?”) mi sfida. Mi rincuora. Non so cosa devo infilarci, e qui c’è un mucchio di divertimento. Chissà cosa combinerà questo personaggio matto come un cavallo.

In un caso del genere, sarò sorpreso dalla piega degli eventi e se sono bravo, pure chi legge mi seguirà e sarà ugualmente sorpreso. Poi magari il lettore potrebbe chiedere:

 

“È autobiografico, vero?”

 

No.

Mai.

E se hai poche idee, segui il consiglio di Raymond Chandler:

 

“Se non sai come andare avanti, fai entrare un tipo con la pistola spianata. Funziona sempre”.

 

È vero!

Annunci

Autore:

Raccontastorie

5 pensieri riguardo “Che cos’è un racconto

  1. Io sono con te. Condivido le tue idee, peccato che molti non capiscono. Ci sono persone che detestano i racconti perché non li considerano narrativa, però poi li leggono e ti dicono che non piacciono, oppure c’è chi legge il racconto e si lamenta non dicendo (che è un cosa leggittima): “non mi è piaciuto (perché…)”, ma: “era incompleto, non approfondisce l’argomento” come se tra saggio e narrativa, tra saggio e racconto non ci fosse distinzione, tanto sono una sequenza di parole, giusto? Certi lettori. Altri sono più addentro e ti danno soddisfazioni, ci si può ragionare e capiscono anche meglio di te quello che lasci tra le righe. Sono soddisfazioni.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...