Pubblicato in: buona scrittura

L’aristocrazia della scrittura

Nel libro “Il mestiere dello scrittore” di John Gardner, un capitolo è dedicato all’istruzione e al tirocinio dello scrittore. 

E c’è una frase che merita particolare attenzione:

“Lo studio della scrittura, come lo studio del pianoforte classico, non è un’attività pratica, ma aristocratica”. 

Me ne rendo conto, è un’affermazione sgradevole, però così aderente alla realtà! Zia Flannery (O’Connor) consigliava di sposarsi un’ereditiera che sapesse battere a macchina. In questo modo, si vive senza troppo preoccupazioni pratiche.

In qualunque modo la si pensi, certi mestieri richiedono o un conto in banca consistente, oppure una capacità di compromesso e di sacrificio notevole. Perché si sarà costretti a fare i salti mortali per scovare il tempo per scrivere. Mentre sarà urgente trovare il denaro per pagare le bollette. 

Ma certo, si capisce. Parlare di “aristocrazia della scrittura” suona male. Non siamo forse tutti uguali? E cullandoci in questa illusione, evitiamo di vedere la realtà. Se uno ha ambizione e soprattutto talento, sa che la scrittura, se presa sul serio, costa. Se lo si fa per diletto, questa idea resta per così dire sullo sfondo. Se tuttavia decide di fare sul serio, e questa decisione non è peregrina, si capisce al volo che si sta ficcando in una sorta di guaio. 

Scrivere ha sempre richiesto un duro lavoro. Di questi tempi, ancora di più perché tutti scrivono, e sono sempre di meno quelli che leggono. 

Ma quando qualcuno intuisce la separazione che si crea tra sé e gli altri, anche se magari ha poco o nullo talento, ha almeno compreso la posta in gioco. 

Alcuni si indignano quando uno scrittore, un artista, viene assoldato per esempio da un’azienda. Costoro fingono di non sapere (o lo sanno, ma l’invidia, assieme alla consapevolezza di essere privi di talento, sono una brutta bestia) che tutti gli artisti sono stati sul libro paga di persone poco raccomandabili. L’arte se esiste, lo deve a un mucchio di personaggi spesso feroci, di sicuro ricchissimi. 

E d’altra parte sovvenzionare l’artista: che significa? Chi è in grado di dire questa è arte, e questa no? Si rischia di aiutare gli amici, e di lasciare fuori chi amico non è, in barba al talento.

Annunci

Autore:

Raccontastorie

3 pensieri riguardo “L’aristocrazia della scrittura

  1. Mi sto sempre più rendendo conto che studiare giapponese e scrivere non riescono ad entrare entrambe nella mia vita (oppure ci entrano a costo del mio sonno, della mia salute, della mia già scarsa vita sociale). Figuriamoci quando si tratterà di lavorare e scrivere al contempo. Crudele, vero? Non mi indigna il pensiero di farsi assoldare (perché poi? È sempre esercizio).

    Mi piace

    1. Mozart infatti si faceva assoldare. Raffaello; Bramante. Però credo che abbiano ragione quelli che dicono: Quando sei sotto pressione, riesci a rendere meglio. Carver scriveva in situazioni estreme, nella rimessa di casa, seduto al volante dell’automobile. Eppure, se non avesse avuti tanti ostacoli, non sarebbe riuscito ad affinare la sua scrittura così tanto.
      In bocca al lupo comunque.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...