Pubblicato in: buona scrittura

Una forma di intrattenimento

Dopotutto, l’arte è una forma di intrattenimento, no?

 

In una intervista, Raymond Carver affermava questo. Niente male. Alla fine l’arte quello è: intrattiene le persone. O almeno ci deve provare.

Dal teatro greco, sino ai giorni nostri, l’arte si è sempre data da fare per intrattenere. E cos’è l’arte? Flannery O’Connor rispondeva che era arte ciò che mostrava efficacia e valore.

 

Il bello di ficcare il naso nell’officina degli autori, è che ci si libera di tante panzane che si hanno in testa. Retorica e bla bla bla. E la scrittura si libera di idee e mito per diventare mestiere. È un male? Non credo proprio.

Sono persuaso che l’arte, non sia per tutti. La montagna non è per chiunque, ma per pochi. E finché non arrampichi non sai che cosa sia davvero. Guardarla e basta, e non provare nemmeno ad avvicinarsi a lei; ignorare il dolore delle articolazioni, le vesciche ai piedi… Solo se si passa attraverso queste cose si comprende che cos’è la montagna.

E una scrittura che non parla alla ciccia, che roba è? Se non scende in strada a vedere che aria tira, di quale scrittura e arte stiamo parlando? Ma non scendere in strada per essere al fianco delle persone.

Ma per ricordare che la vita è più complessa di quello che viene raccontato. Compito tutt’altro che semplice…

Annunci

Autore:

Raccontastorie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...