Pubblicato in: buona scrittura

Non serve una concezione politica, serve l’arte

Per il momento non ho ancora una concezione politica, religiosa e filosofica; ogni mese cambio, e quindi dovrò limitarmi a descrivere come i miei protagonisti parlano, amano, si sposano, si riproducono e muoiono.

 

Questo scrive il buon Anton Čechov.

Sei preoccupato per quello che gli altri “pensano” a proposito di quello che scrivi? Perché non “illumini”? L’unica tua preoccupazione dovrebbe essere per la parola, e basta. Che deve essere efficace e di valore (arte, come diceva zia Flannery O’Connor).

L’idea che si debba avere una forte idea è riduttiva. Dostoevskij solo dopo alcuni anni mostrò la sua concezione politica e religiosa (che non era nemmeno immune da contraddizioni, o razzismo).

L’aspetto divertente è che ormai raccontare storie sembra noioso; e allora occorre dimostrare. E per dimostrare, è indispensabile una concezione politica (quella religiosa non è più di moda; la si perdona a Dostoevskij perché è morto, mentre la filosofia… È così noiosa).

Raccontare storie è comunicare, e questo concetto sembra farsi strada con scarso successo nella testa delle persone. L’obiezione più comune è quella che dice: “È impossibile che non ci sia almeno un’idea. Come fai a scrivere se non hai un’idea?”. E a questo punto ci si ritira soddisfatti perché si sono rimesse a posto le cose.

 

Una storia che abbia un poco di ambizione ha sempre un’idea che la dirige, ma non è quella che pensi tu. Ed è: dare del tu all’arte. Basta, non è necessario nient’altro. Ed è per questa ragione che si legge Tolstoj o Dostoevskij. Non perché hanno creato una concezione politica o filosofica coerente e convincente (anzi…). Bensì perché erano e sono artisti.

 


 

 

Prima la storia, poi il lettore

Annunci

Autore:

Raccontastorie

2 pensieri riguardo “Non serve una concezione politica, serve l’arte

  1. Scrivere una storia “a tesi” produce una narrazione falsa e già mezza morta. Avere un tema (un filo poetico che dia musicalità e senso alla narrazione) penso sia invece augurabile 🙂 però durante la stesura è inutile e anche controproducente pensare a come costruirlo.

    Mi piace

    1. Diciamo che quando si inizia a scrivere (la prima storia) un autore getta le basi di tutto il suo mondo. A quello dovrebbe restare fedele. E spesso questo entra in rotta di collisione con il buonsenso, o quello che le persone “pensano”. Ma questo non dovrebbe preoccuparlo troppo, probabilmente lo ha già messo in conto…

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...