Pubblicato in: costruire un brand, editore di se stesso

Guarda alle opportunità, non ai problemi

guarda alle opportunità

Lo so bene: hai questa storia in mano, e non sai bene che fare. Ti tenta l’idea di essere editore di te stesso, però… Allora guardi in giro, capiti su questo o quel blog, infine sei qui che scorri con lo sguardo queste righe.

Non guardare ai problemi, ma alle opportunità. Sono grandi e, come è giusto che sia, sono grandi anche i problemi che dovrai fronteggiare. Qualche consiglio per non farsene sommergere?

  • Rovescia la prospettiva. Se ti limiti a osservare quello che ti aspetta, non andrai da nessuna parte. Guarda invece alle opportunità che puoi cogliere, se solo ti rimbocchi le maniche e sei disposto a sbagliare, imparare, sbagliare un po’ di meno, imparare, sbagliare pochissimo, imparare.
    Tranquillo, qualche errore lo commetterai sempre. È essenziale non farsi bloccare da timori, paure, o dalla prospettiva del fallimento.
  • Prendi in mano il tuo destino. Quello di autore, è a lui che mi riferisco! È un errore credere che sia possibile scrivere e basta, e poi attendere che le cose maturino e gli altri si rendano conto che abbiamo scritto qualcosa di interessante.
    Se hai talento, ben presto scoprirai che si tratta di una qualità che non ti aiuta a vendere. Certo, puoi consolarti dicendo che la letteratura è piena di gente incompresa. Fa bene al proprio piccolo ego ritenere di essere vittima come i “Grandi”. Peccato che non sia scritto da nessuna parte che tu debba imitarli. È una tua scelta, giusto? Quindi puoi anche scegliere di non subire, e di non essere vittima. Sii protagonista: prendi in mano il tuo destino, e costruisci uno sviluppo diverso.
  • Non puoi fare da solo.
    Prima, nell’era del cartaceo, l’autore scriveva e poi passava tutto all’editore. Ci pensava lui, o meglio, il reparto marketing. Qui alcuni professionisti studiavano copertina, titolo, sceglievano il font della copertina, individuavano le parole chiave su cui impostare la campagna pubblicitaria, stilavano la lista dei giornalisti e delle testate che avrebbero ricevuto e il comunicato stampa, e il libro, scopo recensione. Adesso, o impari tutto questo, oppure ti affidi ad altri. Non solo questo, però: devi fare squadra. Non puoi startene lì come un baobab: non siamo nella savana assolata, che ti si vede da lontano e la gente viene alla tua ombra. Devi muoverti. Farti conoscere, creare contenuti, condividerli, partecipare. In una parola: conversare.

Prima la storia, poi il lettore

Annunci

Autore:

Raccontastorie

Messo il tag:

4 pensieri riguardo “Guarda alle opportunità, non ai problemi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...