Pubblicato in: editore di se stesso

Il libro è un prodotto

il libro è un prodotto

 

Non che ce ne sia bisogno (io infatti non ne ho affatto bisogno), ma adesso ho davvero le prove. Direttamente dalla voce di chi ha lavorato nell’editoria per anni, non per due mesi.

Leggi questo articolo sulla rivista Wired.

La crisi c’è, esiste e morde, e non è necessario che lo dica io. Ma affrontare il prodotto libro solo con le speranze, i sogni, i desideri, nella migliore delle ipotesi ti condurrà in un vicolo cieco. Mentre gli editori rischiano di portare i libri contabili in tribunale.

C’è un prima, e un adesso.

Prima: quando essere superficiali, approssimativi, anche arroganti, garantiva comunque un ritorno. Come certi commercianti che al turista applicavano un prezzo maggiorato, e se si lamentava, si stringevano nelle spalle, e pensavano:

“Che vada pure da un’altra parte. Il mondo è pieno di limoni da spremere”.

Peccato che in realtà il mondo sia pieno di persone. E se ragioni così e arriva la crisi, tu sei cibo per la crisi.
Certo, puoi sempre lamentarti contro il cattivone di turno. Che può essere Apple, Amazon, o il nuovo untore del XXI secolo: l’editore di se stesso. Che come sanno tutti (tutti chi? Boh!) distruggerà la cultura italiana.

No, non tutti gli editori sono di questo calibro. Esistono piccole realtà che sanno difendersi bene, e anzi passano al contrattacco. Ma nel complesso, il panorama è desolante.

Ecco come la penso io. E così veniamo all’oggi.

Sei davvero un editore di te stesso?

Se decidi di essere editore di te stesso devi fare meglio di un editore. Davvero meglio. Come?
No, non è necessario avere approfondite conoscenze economiche o di gestione contabile. In fondo, non stai per aprire una casa editrice con dei dipendenti da pagare.
Però devi affrontare la tua storia come se fosse un prodotto da lanciare sul mercato. Pianificando con cura lo sviluppo della tua piattaforma. E te lo dice uno che non ha mai pianificato nulla, e si vede.
Non solo: scovando non “il pubblico”: quello era il modo di agire di un tempo. Si sparava nel mucchio e spesso andava bene. Non ci si poteva lamentare.

I tuoi lettori

Devi trovare i tuoi lettori. E procedere a casaccio, con la testa piena di aria e speranze, contando sul fatto che “La qualità emerge”, ti condurrà in un angolo.

Il punto è che ciascuno di noi ha in sé le vecchie idee di certi editori. Ma dovrei scrivere “Io”: e infatti sto lottando per liberarmene.

I disastri che stanno accadendo sono il risultato di quelle idee. È tempo di gettarle vie, non è più possibile, a parer mio, usare il vecchio e il nuovo, cercare la formula perfetta che sposi i due mondi. Un mondo è nato, un altro mondo muore. Scegli se stare col primo o col secondo.

Quindi agisci di conseguenza. Cambia la tua mentalità. Sii un professionista, anche se gli altri ti ignoreranno. Quando alla fine non ti ignoreranno più, be’, avrai vinto.


Prima la storia, poi il lettore

Advertisements

Autore:

Raccontastorie

2 pensieri riguardo “Il libro è un prodotto

  1. Dici che è arrivato il momento di scovare i lettori uno per uno, e non di mirare ad una indistinta “fascia di pubblico”? Perchè in quel caso tirerei un sospiro di sollievo: temevo di averne bisogno solo io (e quei pochi altri che non rientrano bene nelle categorie inventate dall’editoria).

    Mi piace

    1. Guy Kawasaki dice che investire 10/15.000 dollari nella pubblicità del proprio ebook è un’ottima scelta. Se non hai una simile disponibilità credo proprio che sia meglio scovare il proprio pubblico. Certo, i vecchi sistemi (banner, pubblicità insomma), avranno sempre un senso, ma… Preferisci essere ascoltata perché hai pagato, o perché dici qualcosa di valore? 🙂

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...