Pubblicato in: editore di se stesso

Per scrivere, scegli lo strumento giusto

In parte, contraddico quanto ho affermato in passato, quando scrivevo che è sciocco perdere tempo a cercare il giusto strumento per scrivere.

C’è solo l’imbarazzo della scelta: Word (be’, forse è meglio LibreOffice), Pages, oppure altro ancora, come Scrivener o Storyist. E in parte credo ancora a quanto dicevo allora: lo strumento giusto ce l’hai nella testa.

Però.

Ho capito che un minimo di schede bisogna crearle: anche se si tratta “solo” di racconti. A un certo punto un personaggio ha gli occhi verdi, e dopo qualche pagina sono solo “chiari”.

Perché accade questo? Perché si è ancora vittime dell’idea che scrivere è ispirazione.
No: è precisione, preparazione.

Significa che di ciascun personaggio occorre preparare una breve scheda che contenga, per esempio, i tratti fisici. Niente di complicato: poche righe. Da tenere sotto mano finché non si arriva alla fine, e sulle quali gettare un’occhiata. Colore dei capelli, degli occhi, segni particolari, eccetera eccetera.

Per questa ragione ho risvegliato dal letargo StoryMill, un’applicazione che avevo acquistato tempo fa. Il suo sviluppo è fermo (ci sono dei problemi legali tra sviluppatore e azienda), e non si sa se e quando si vedrà una nuova versione.
Ma visto che ho tra le mani una storia più complessa (un romanzo), ho anche bisogno di uno strumento che mi sia di aiuto.

Parlerò nelle prossime settimane dei nuovi racconti che sto rileggendo. Pubblicherò delle anteprime, si capisce. Poi, dovrei iniziare a fare sul serio col romanzo…


 

Prima la storia, poi il lettore

Annunci

Autore:

Raccontastorie

14 pensieri riguardo “Per scrivere, scegli lo strumento giusto

  1. Una buona notizia finalmente! Avremo un romanzo da leggere 😉

    Se scriverai qualcosa sull’uso di StoryMill seguirò con attenzione: ho ancora delle remore a usarlo, anche se mi dicono essere funzionale.

    Mi piace

  2. Io mi sono trovata molto bene con FocusWriter (un po’ simile a Ommwriter, ma gratis e molto più personalizzabile). Per tutto il resto (schede, appunti ecc.) uso gli appunti su carta. Sono diventata il maestro delle tabelle!

    Mi piace

  3. Per la scrittura “distraction free” io utilizzo Writemonkey. Ha persino il suono della macchina da scrivere 🙂

    Per quanto riguarda software “professionali”, li ho provati un po’ tutti ma la scelta finale è caduta su Scrivener, sebbene a volte faccia cilecca nell’esportazione (probabilmente è colpa mia, non una pecca del programma)

    Mi piace

    1. Conosco un po’ Scrivener, ma la versione attuale non mi piace. Sarà un limite mio, ma se devo iniziare a perdere troppo tempo a capire tutte le funzioni, allora lascio perdere. Sino a oggi ho usato Pages, ma per progetti più complessi bisogna rivolgersi ad altro.

      Mi piace

    2. Ciao Marco,
      io mi trovo molto bene con Scrivener, e devo dire che i problemi di Alessandro ed i tuoi, si possono riscontrare maggiormente nella versione Windows. Per la scrittura vera e proprio, personalmente mi affido all’ultima versione per Mac.

      Sì è vero, Scrivener all’inizio soprattutto può risultare farraginoso e quindi difficile da utilizzare, ma ti assicuro che una volta entrati nell’ottica del suo utilizzo, diventerà il tuo migliore amico. Io lo uso anche per gestire dei contenuti per un paio di blog.

      Mi piace

      1. Mah! Di recente ho scaricato la versione dimostrativa per Mac, ma non mi ha convinto. Per adesso mi accontento di quello che ho. Poi, come si dice? Mai dire mai, però non voglio nemmeno che diventi una faccenda che mi porti via del tempo. Magari compro un po’ di quaderni ad anelli, e uso quelli! (È una battuta, il solo pensiero di scrivere a mano mi deprime).

        Mi piace

  4. Mah, onestamente, sarò pure grezzo, ma io mi piazzo davanti al vecchio Word e via. Neanche ho la testa per cercare e studiare altri strumenti per ora.
    Quanto a note, appunti, schede… niente, mi confonderei di più. Appunto mentalmente soprattutto gli approfondimenti bibliografici e difficilmente li dimentico.
    L’unica cosa diversa che ho fatto per il mio prossimo romanzo è stato scrivere un lungo storyboard. Mi ha portato via un mucchio di tempo ma alla fine è stato utile. In fase di stesura avevo praticamente la storia già scritta.
    Questo non vuol dire ovviamente che il risultato non possa essere migliorato usando altri strumenti, ma fino a oggi per me è andata così. Anche in considerazione del fatto che ho scadenze un po’ troppo ravvicinate…
    Salut.

    Mi piace

    1. Word per me è indigesto. È come ricorrere a un elefante raffreddato e ubriaco per uno spettacolo di danza classica. A quel punto, meglio LibreOffice, almeno salva in un formato aperto.
      Credo pure io che uno storyboard per un romanzo sia fondamentale per non diventare pazzi, ed evitare di perdere tempo. Occorre però essere disciplinati, e sul quel versante devo riconoscere che ho qualche problema…

      Mi piace

      1. Forse non reputando i miei scritti uno spettacolo di danza classica, “l’elefante” mi sta bene.
        Scherzi a parte, se hai bisogno di un file più aperto, capisco il punto. Ma visto che la mia casa editrice vuole il caro, vecchio .doc, tanto vale non sprecarsi più di tanto…

        Mi piace

      2. L’elefante era riferito a Word, non a chi lo usa!
        Però rilancio e dico: ho dei vecchi file degli anni 90 creati con una versione di Word che non ho più. Ne ho una più recente, che però mi crea problemi all’apertura. Con la nuova versione riuscirò a aprirli ancora? Uno dei motivi che mi spingono a salvare tutto in formato testo, è che Word, al di là delle affermazioni di Microsoft, non garantisce una piena retro-compatibilità.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...