Pubblicato in: costruire un brand, editore di se stesso

Lo scrittore deve imparare dal macellaio

 

lo scrittore deve imparare

Il macellaio ha una grande attenzione per il proprio cliente (almeno il macellaio che vuole durare); perché da lui riceve i soldi. Senza di essi, non sarebbe in grado di alzare ogni mattina la saracinesca.

Il mestiere dello scrittore

Per questo motivo, chi scrive deve imparare anche dal macellaio (e non solo perché chi scrive ha a che fare con quel mestiere: pure la scrittura taglia e amputa).
Il mio macellaio è giovane, e sa bene che i miei soldi non sono quelli di Monopoli. Li guadagno (come lui). Non mi va di buttarli in prodotti mediocri.
Il mestiere dello scrittore ha a che fare col denaro. Lo so, a questo punto c’è sempre qualcuno che inorridisce; che sviene; che alza gli occhi al cielo e si chiede:

“Dove andremo a finire con questi tristi discorsi sul denaro e la letteratura, che è nobile, perché l’artista è in contatto diretto con l’ispirazione, con l’energia positiva del mondo che…

(A questo punto io starei già russando).
Non so dove tu vuoi andare a finire, io qualche idea ce l’avrei.
Al di là delle chiacchiere, il fatto che un mucchio di artisti sia morto di fame, non rende questa condizione invidiabile. Né auspicabile. Significa solo che il pubblico non capisce molto di arte, perché l’arte è per pochi. Come la montagna.
Torniamo al macellaio. Perché vado da lui? Perché mi piace la carne, e se voglio una buona bistecca so a chi rivolgermi. Perché lui è un macellaio. Lo so. Me lo dice l’insegna, il negozio, i coltelli, le mannaie, i tagli di carne esposti nel banco.
Perché un lettore dovrebbe venire da te? Scrivi? Sai che sforzo.
Hai pubblicato un libro? Sai che sforzo.
Il fatto è che nessuno riuscirebbe a distinguere te, da un altro che ha scritto e pubblicato. Manca quello che gli esperti chiamano “Valore aggiunto”, e che distingue te, da un altro.

Non sei Stephen King

Il lettore non è uno che compra qualunque cosa. Il lettore compra quando scopre un valore (o immagina che ci sia) in te, invece che in quello accanto. Non solo ti riconosce, ma riconosce nella tua personalità, nella tua voce, un’autorevolezza che non trova da nessun’altra parte.
Autorevolezza, personalità, capacità di conversazione: non sono parole. Nemmeno abiti da indossare o togliere a seconda delle convenienze e delle occasioni. Sei tu, e basta. Benché possa sembrare quasi folle: è parte del tuo lavoro. È il tuo lavoro.
Scrivere e basta, te lo puoi permettere se sei Stephen King. Se lui su Twitter scrivesse “Babau”, i suoi followers sarebbero estasiati.
Prova a farlo tu, e sarai seppellito dall’indifferenza.
Improvvisarsi autore, non affrontare questo per quello che è: un percorso che negli anni porterà (speriamo) i suoi frutti, è un errore che molti commettono, e infatti scompaiono alla velocità della luce.
Sei un imprenditore: delle tue storie, del tuo marchio.


Prima la storia, poi il lettore

Advertisements

Autore:

Raccontastorie

4 pensieri riguardo “Lo scrittore deve imparare dal macellaio

  1. Negli ultimi anni l’arte è stata protagonista di tante mode passeggere. Studenti neodiplomati e no divenuti famosi nel giro di qualche mese, grazie alla giusta conoscenza, per poi avere un successo stratosferico di 3 anni al massimo.
    Dico 3 anni di successo, perché in quel periodo quei ragazzi hanno guadagnato un sacco, venduto come non mai, fatto mostre, girato l’Italia e il mondo, si, ma poi?
    Come ogni buona moda che si rispetti, passato il suo tempo si esaurisce e come una foglia in autunno, cade dal ramo e si disperde al vento.
    Dove sono? Bho.

    Gli scrittori o artisti in genere devono impegnarsi a creare un qualcosa che emozioni, trasmetta un messaggio e che possa essere apprezzato pure a distanza di anni. Altrimenti, meglio dedicarsi a altro.

    Liked by 1 persona

    1. Se dura 3 anni non è arte 😉
      Però individui il problema: si produce, non si crea. Sia chiaro: a me piacerebbe vendere come Dickens, e ci proverò. Tuttavia sono consapevole dei miei limiti e, nonostante essi, o si “cerca” di fare arte, o si gira a vuoto. Se vuoi scalare sul serio, sai che devi scegliere il K2, l’Eiger, il Cervino, non puoi limitarti alle colline. Anche se fallisci, almeno hai osato.

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...