Pubblicato in: costruire un brand, editore di se stesso

Conquistare il lettore: quale strategia adotti?

conquistare il lettore

Non sono in grado di scandalizzare i lettori, mi spiace. E poi nemmeno mi interessa. C’è da dire che per certe persone, parlare della realtà senza volerla correggere, è sinonimo di oscurantismo e via discorrendo. Per costoro, tutto è da correggere, ed essi sanno come fare. Io per fortuna non so niente.

Provo a raccontare storie, e se a qualcuno non sembra un obiettivo abbastanza ambizioso, andrà a leggere qualche cosa di differente.

Uno dei racconti che saranno nella prossima raccolta, aveva un inizio un po’ particolare. Niente di eccezionale, a mio parere pure banale. Però era il primo, e c’era la descrizione di questo risveglio di una madre e di sua figlia (affetta da un grave deficit cerebrale). E di quello che la madre deve fare al mattino in bagno. Tutta roba fisiologica quindi, ma niente di che.

Però l’ho spostato alla fine della raccolta.

Mi sono messo nei panni del lettore, che potrebbe essere urtato da un impatto del genere. Niente di straordinario, ripeto; anzi per molti sarà motivo di risate.

Però mi sono anche domandato se questo inizio non rischiasse di allontanare un potenziale lettore. In fondo non ci conosciamo: perché irritarlo o turbarlo? Né avevo intenzione di riscrivere quell’incipit. Non dico che fosse perfetto: però era il suo incipit.

Bazzecole? Sì e no.

Chi scrive, scrive quello che vuole lui (il verbo “dovere” non esiste: se qualcuno dice che “si deve”, oppure che lo scrittore “deve”, io lo considero per quello che è: un nazista in potenza).

Purtroppo, il lettore non sa quello che vuole. Chi scrive, può tuttavia agire in maniera da raccontare quello che desidera, offrendo, almeno in apparenza, quello che il lettore desidera.

È uno dei motivi che spingevano Charles Dickens a ricorrere a espedienti che per molti critici erano, alla lunga, sempre identici e perciò noiosi. Vale a dire bambini sfortunati e vecchi rimbambiti e perciò molto simpatici.
Qualcosa di questa strategia, riveduta e corretta, la ritrovo anche in Graham Greene. “Un americano tranquillo” sembra una storia di amore (lo è in realtà), ma dietro, nemmeno troppo nascosto, è già in azione quel motore che farà piombare il Vietnam (e gli Stati Uniti), nell’inferno che conosciamo. Per questa ragione il libro venne considerato “anti-americano” quando venne pubblicato negli U.S.A.

È chiaro che se Graham Greene avesse scritto un libro di denuncia, e basta, non avrebbe mai avuto l’impatto che poi ebbe. La storia d’amore, l’intreccio, erano lo strumento che lo scrittore inglese usava per parlare anche di quello che stava accadendo, e che avrebbe avuto conseguenze spaventose. Per questo fu tanto osteggiato: perché era ben scritto. C’era una storia, dei personaggi, un intreccio; e tutti questi elementi rendevano il libro pericoloso.

Il lettore aveva quello che desiderava: una storia ambientata in un posto esotico. C’era anche l’amore. Però si trovava infilato, quasi senza rendersene conto, in una storia ben differente.

Lo stesso stratagemma Greene lo utilizza ne “I commedianti”. È ambientato nell’isola di Haiti, durante il governo di Papa Doc. Però ancora una volta ecco la storia d’amore. Sullo sfondo, l’orrore di una dittatura.

Tutto questo che cosa insegna? Che puoi scrivere quello che vuoi. Però è necessario usare qualche stratagemma per condurre il lettore nei tuoi territori. Uno può essere spostare un racconto dall’inizio di una raccolta, alla fine.

Quali compromessi o strategie utilizzi per condurre il lettore dove vuoi tu?


 

Prima la storia, poi il lettore

Advertisements

Autore:

Raccontastorie

8 pensieri riguardo “Conquistare il lettore: quale strategia adotti?

  1. Mi sono posta qualche problema dopo aver inserito una scena di violenza nel primo capitolo del mio romanzo (che non è né un thriller né di azione): alcuni lettori cavia l’hanno considerata “disturbante”…
    Credo che un lettore debba poter entrare in un romanzo in punta di piedi, come al mare. Ci saranno anche quelli che si tufferanno di testa… ma una scaletta per i meno temerari può essere d’aiuto 🙂

    1. Sì, è il mio sistema. Poi è evidente che scrivo quello che voglio io e come lo voglio io. In fondo il lettore ha la mia stessa libertà, anzi persino più grande perché può tranquillamente decidere di ignorarmi.

  2. Interessante argomento, che magari proverò anche io ad affrontare in un post. Non so se essere d’accordo con la tua scelta. In una raccolta di racconti credo che disporrei le storie secondo un altro ordine, magari mettendo per prime quelle che reputo migliori.

    Non ti sei mai cimentato con romanzi? Mi sembra di capire che ami più scrivere racconti, visto anche il nome del blog 😀

  3. Durante il corso di letteratura giapponese, studiai un autore (Abe Kobo mi sembra, sono senza memoria) che per catturare l’interesse del lettore apriva sempre il romanzo con un’immagine o un episodio misterioso e pieno di suspance, anche se questo non aveva molto a che fare con la trama.
    Con il mio romanzo sto cercando di mettere insieme un incipit funzionale e accattivante insieme, che permetta ai lettori di orientarsi ma mantenga viva la curiosità. E mi sforzo di curare la forma, definire il mio “timbro”, per risultare subito riconoscibile tra gli altri scrittori.

    1. Questo dimostra che se stabilisci una regola, all’istante o quasi ci sarà qualcuno che la smentirà. Se affermi che un incipit deve essere così e così, di certo qualcuno farà cosà e cosà, e funzionerà pure.
      Buon lavoro per l’incipit, ma ricorda che spesso in un romanzo può anche arrivare in seguito. Oppure lo definirai, e poi dopo 7 mesi lo stravolgerai.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...