Pubblicato in: costruire un brand, editore di se stesso

Quanto è originale uno scrittore?

l'originalità dello scrittore

Da un po’ di tempo leggo “Diario del seduttore” di Soren A. Kierkegaard. Non è una lettura che consiglio perché è impegnativa; io lo faccio proprio per questo motivo, e mi rendo conto che molti scapperebbero a gambe levate dopo le prime 3 pagine. Il danese, a mio parere, è un ottimo pensatore ma difetta nella narrazione.

Però non è di questo che desidero parlare.
A un certo punto ho trovato questo:

(…) desidero in ogni caso che si senta attratta come uno spirito che graviti verso un altro spirito, non come un corpo morto che cade.

In quel “come un corpo morto che cade” c’era qualcosa di familiare:

E caddi come corpo morto cade.

Il canto V dell’Inferno del buon Dante Alighieri.

Quindi Kierkegaard conosceva direttamente il Grande Italiano? Lui, protestante, aveva letto l’opera di un cattolico? O questa frase gli era arrivata chissà come, attraverso chissà quali letture? Difficile dirlo.

Ma Dante da secoli è una lettura obbligata, quindi probabilmente Kierkegaard lo aveva letto (almeno qualcosa).

Di sicuro questo rappresenta l’ennesima prova di quanto uno scrittore non debba essere originale: vale a dire disegnare da capo la ruota.

Ma deve essere bravo, quello sì.

Quando si tira fuori l’argomento dell’originalità per stroncare o criticare un’opera, o si conosce poco la letteratura, oppure si cerca di screditare l’autore e la sua storia.

La tragedia “Romeo e Giulietta” era una novella italiana che Shakespeare rielaborò per il teatro. Adesso realizzerebbe un film, magari di produzione indipendente, in quel di Hollywood. Non era niente di originale, dunque.

Spostare l’attenzione su aspetti secondari, vuol dire non (voler) riconoscere quelli principali.

La qualità dello scritto, la capacità di chi scrive, la sua voce e autorevolezza. Il modo unico che costui o costei ha di vedere un mondo e di renderlo carne e sangue, grazie alla pagina.

Questi sono gli unici metri di giudizio da usare.

Io non sono affatto originale. I miei racconti, e pure quelli che sto rivedendo per una prossima pubblicazione digitale, non ti faranno cadere dalla sedia per l’originalità. Ci troverai uomini e donne. In difficoltà, certo; ma se vuoi qualcosa che ti rilassi, c’è la pubblicità. Non saprei scrivere nient’altro, non credo di riuscire a fare altro che a celebrare le erbacce; perché quello siamo.

L’originalità è nel tuo occhio, nei tuoi sensi: sai osservare? Perché guardare lo fanno tutti: scimmie, gechi e ippopotami.

Osservare significa scegliere, tagliare, eliminare, riconoscere che ci sono elementi che meritano di stare sulla pagina, ed elementi che non lo meritano affatto. È una specie di operazione chirurgica che pochi hanno il coraggio di fare. Sono troppo interessati a se stessi, e non hanno alcun interesse per la storia.

Non credere che gli altri sensi siano tagliati fuori: gli occhi devono lavorare con il resto. Siccome parli di ciccia e sangue, devi usare il tatto, l’olfatto, il gusto e l’udito per rendere la realtà che racconti tangibile come pietra. In una sua lettera, Flannery O’Connor diceva che se in una scena non sono coinvolti almeno 3 sensi, quella scena zoppicherà.

Nel XXI secolo l’originalità è fatta di storie dove la carne e il sangue tornano a occupare il centro. Dove la realtà è sporca e ha il fiato puzzolente. Questo non piacerà agli illusionisti, a quanti credono che si debba insegnare, educare, formare, pianificare. Ricorda che se piaci a costoro, hai un problema; se non piaci a costoro sei sulla strada giusta.
Niente di nuovo sotto il sole, come si vede.


Prima la storia, poi il lettore

Advertisements

Autore:

Raccontastorie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...