Pubblicato in: costruire un brand, editore di se stesso

Cosa impari dalla revisione di una storia?

 

revisione di una storia

La revisione di una storia (o meglio: di raccolta di racconti), come si fa? Riconoscendo i propri errori, che razza di domande!
Che cos’è l’esperienza, in fondo? Considerare gli errori come le unghie dei piedi (o delle mani, se preferisci): fanno parte di noi.

Tornare a rileggere i miei racconti dopo così tanti mesi mi ha insegnato un mucchio di cose.

Le cose buone dei miei racconti

Non mi ricordavo molto delle storie, di cosa combinavano i personaggi. Certo, forse è l’età, ma di sicuro quando si scopre il racconto mentre si legge, vuol dire che almeno si è riusciti a far passare abbastanza tempo. Si è messo da parte la grande favola dell’urgenza. Tutti hanno questo urgente bisogno di pubblicare. Il mondo sembra non attendere che le loro parole.

Io so che il mondo con o senza le mie parole girerà comunque. Questo non significa che quanto scrivo non vale niente. Proprio perché non cambierà il corso della storia, quello che scrivo deve essere il meglio che posso. Nonostante limiti e difetti, devo produrre arte. Che significa: scrivere qualcosa efficace e di valore (come scriveva Flannery O’Connor).

Altra cosa buona dei miei nuovi racconti? Di certo rappresentano un passo in avanti rispetto a “Non hai mai capito niente”. C’è un argomento che lega tutti i racconti (lo si capisce anche dal titolo, un po’ particolare: però sembra piacere…).

Sono racconti che urtano (spero): non perché ci sia dentro chissà cosa. Ma perché hanno quella natura efficiente e cattiva che la realtà merita.
Siccome la gente pensa così, tu fai la linguaccia e fai cosà.

Fai la linguaccia!

Per esempio: la gente pensa che l’amore risolva ogni cosa? Racconta una storia dove è un compromesso tra 2 persone sole.
L’amore migliora le persone? Tu racconta una storia dove si finisce per pianificare un reato.
L’amore cambia la vita? Chiudi una storia con un bel morto ammazzato.

La tua linguaccia è di parte!

Certo, qualcuno potrebbe affermare che questa è una posizione di parte. Che al di là delle chiacchiere che faccio, ho preso un’idea e ho cercato di dimostrarla.

Al contrario: io evito il manicheismo e illustro le sfumature (almeno ci provo). La vita è troppo complessa per chiuderla in uno slogan o in una definizione. Chi lo fa ha un problema: l’odio.

Le cose brutte dei miei racconti

E le cose brutte? Be’, refusi, ripetizioni imbarazzanti… Ma questo fa parte del gioco. Non importa la cura che ci metti: trovi sempre qualcosa fuori posto. Non se ne esce.

Metto troppa roba? Vale a dire dettagli inutili? Sì, tuoni e fulmini.
Benché mi piaccia Raymond Carver, spesso esagero senza rendermene conto. Troppi dettagli. L’ascia è una fedele alleata, ma devo convincermi che è appunto l’unica vera amica di chi scrive. Se non si usa con sufficiente perizia e ferocia, esiste il rischio di distrarre, o addirittura annoiare il lettore. Questo è il pericolo più grave di ogni cosa che scrivo: l’eccesso di particolari che finisce con lo spostare l’attenzione del lettore.

Devo fare mia questa semplice regola:

È inutile illustrare cosa c’è sotto il letto o dietro la porta.

Occorre tenere lo sguardo sugli elementi forti della storia. Non deviare mai. Come la tigre non si fa distrarre da niente durante la caccia, così chi scrive deve badare a essere efficace: produrre l’effetto desiderato.

E tu cosa impari nella revisione delle tue storie? Che cosa ti insegna di inedito una revisione a proposito della tua scrittura?


Prima la storia, poi il lettore

Annunci

Autore:

Raccontastorie

6 pensieri riguardo “Cosa impari dalla revisione di una storia?

  1. Io sto revisionando un mio romanzo; è passato un anno e tanti libri buoni sotto i ponti. Ho scoperto che una scrittura che mi sembrava buona è migliorabile; che la punteggiatura è meglio rivederla quando non hai più in testa le cose; che lo spessore dei personaggi è difficile da giudicare “a caldo”.
    Sono felice di averlo tenuto nel cassetto: credo che la lievitazione lenta sarà un valore aggiunto, alla fine.

    Mi piace

    1. Ho dato un’occhiata alla cartella dello spam, ma non ci sei. Non so cosa sia successo. I “nuovi arrivati” li metto in quarantena, poi una volta approvato il primo commento, gli altri dovrebbero essere pubblicati senza più attendere. Quindi i tuoi commenti dovrebbero sempre apparire dopo qualche istante.
      Che cosa avevi scritto?

      Mi piace

  2. Spero di scoprirlo presto! questo mese mi sono posta l’obbiettiva di concludere gli ultimi 3 capitoli rimasti, perciò sto aspettando la decantazione necessaria per la revisione 😀
    Quando lo scoprirò te lo dirò 😀

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...