Pubblicato in: costruire un brand, editore di se stesso

Quando Dostoevskij non sa quello che vuole

Quando Dostoevskij non sa cosa vuole

 

Spesso si dice che una pianificazione accurata (magari non accurata, ma pianificazione deve essere), è la ricetta vincente per arrivare a chiudere una storia lunga (un romanzo insomma). Ma siccome ogni volta che si stabilisce una regola dopo qualche istante appare l’esempio che la contraddice, ecco appunto l’esempio.

“In sostanza, io stesso non so assolutamente che cosa ho inviato”.

Chi parla in questo modo è Dostoevskij. Il romanzo di cui parla è “L’Idiota”. Comecomecome? Dostoevskij non sa che cosa ha inviato?

Forse non lo sai: ma uno scrittore legge!

In realtà in almeno un’altra lettera egli spiega che quanto ha scritto non lo soddisfa affatto. È ovvio che per molti queste sono questioni di lana caprina: perché lo scrittore russo è un mattone e per dire 1 cosa impiega 6 pagine. Oppure perché quell’opera non è granché, e via discorrendo.
L’aspetto però interessante risiede nelle parole di Dostoevskij. In sostanza, egli afferma che il compito che si è dato è troppo alto. L’idea che lo ha folgorato è di descrivere una natura umana pienamente bella, e qui abbiamo un’interessante lezione che lo scrittore emergente dovrebbe far sua all’istante. Perché Dostoevskij non si è fossilizzato su questa idea, ma ha cercato di capire come altri, prima di lui, l’hanno affrontata. Dimostra di aver letto “Il circolo Pickwick”, e poi “Don Chisciotte”, e pure “I miserabili” di Victor Hugo. Anche in questi l’idea del bello esiste, ma non è quello che lui descrive. Piccola digressione…

O scrittore, trova la tua nicchia!

Se dico Claude Schopp,  ti cadono tutti i denti.
“Carneade! Chi era costui?” (Questa frase la piazzo per alzare il livello del blog, così sembra davvero un blog proprio come si deve). È uno dei più importanti studiosi dell’opera di Alexandre Dumas. Anzi, forse il più importante, colui che lo ha riportato al centro del dibattito culturale francese; sì perché pure per i francesi era troppo popolare! Vendeva troppo! Ah, quegli scrittori che non vendono nemmeno una copia! E che dire di quelli, ancora più meravigliosi, che nemmeno pubblicano?
Claude Schopp rivela che a un certo punto, in gioventù, dopo l’università oppure mentre ancora la frequentava (non ricordo con precisione), si era reso conto che a proposito di Dumas esisteva scarso interesse tra critici, accademici e intellettuali. Bam! Aveva trovato la nicchia!
In realtà era ed è una miniera d’oro, e ci si è tuffato. Adesso, come ho detto poco prima, è riconosciuto per essere il massimo esperto di Dumas. Ha dovuto lavorar duro per diventarlo. Dico solo (lo rivela lui, certo), che Dumas era un tipo generoso, e spesso regalava i capitoli delle sue opere agli amici. Ritrovarli, rimetterli assieme, richiede intuito, fortuna e appunto tanto lavoro.
Torniamo a Dostoevskij.
Lui vuole scrivere un’opera che si discosti da tutto quello che sino a quel momento si è pubblicato. Il “bello” descritto da Hugo, Dickens o Cervantes, affascina perché è ridicolo, oppure fa tenerezza. Lui vuole invece creare qualcosa di ben differente. Non desidera che il protagonista del romanzo commuova perché è simpatico, ridicolo, oppure ha subito un’ingiustizia. E per questa ragione sente di non essere all’altezza di un compito così alto. Eppure non si arrende. Alla fine come sappiamo, il romanzo sarà completato e diventerà uno dei classici di questo scrittore.
Che lezione si può trarre, da tutto questo? Che occorre avere una volontà di ferro? Può darsi, ma prima di questo, bisogna capire anche come gli altri hanno affrontato l’argomento con il quale vogliamo misurarci. Dostoevskij era un genio, certo; non mi posso permettere di misurarmi con lui perché i miei neuroni morirebbero all’istante. La sua lezione però mi pare comunque attuale. Vale a dire: prendi un’idea, e fai in modo di affrontarla in maniera del tutto differente. Che sia originale, non nel senso che diamo a questa parola, sinonimo di nuovo o novità. Ma “originale” nel senso che risale alle origini, alle domande vere e fondamentali.

La domanda delle 100 pistole

Come riconoscere una storia “originale” da una storia “convenzionale”? Quale libro degli ultimi 20 anni ha, secondo il tuo parere, la caratteristica di essere “originale” (cioè, nel proporre le domande fondamentali)?


 

Prima la storia, poi il lettore

Annunci

Autore:

Raccontastorie

8 pensieri riguardo “Quando Dostoevskij non sa quello che vuole

  1. Di sicuro Il fiordo dell’eternità di Kim Leine, Groenlandia del XVIII secolo. Una storia completa, direi, drammatica, forte. E anche Suttree, ovviamente. Ecco due romanzi che vorrei rileggere.

    Mi piace

    1. Mi pare che il buon Cormac McCarthy in generale sia uno dei pochi capace di scrivere delle grandi storie. Mi sono tenuto distante dall’ultimo perché mi è sembrato poco riuscito, ma è un’impressione, non ho visto nemmeno il film (una rimasticatura di “Non è un paese per vecchi”?).

      Mi piace

      1. Se parli dell’ultimo film, The consuelor, è una schifezza, rimasticatura di “Non è un paese per vecchi”. Ma non è un romanzo, ha scritto solo la sceneggiatura del film.

        Mi piace

  2. Ammetto qui (come altrove) di essere un maccarthysta! 🙂
    Quando ho letto la domanda delle 100 pistole, mi sono venuti in mente proprio “Non è un paese per vecchi” e soprattutto “La Strada”. Per quanto breve e (apparentemente) molto più semplice di altri suoi romanzi, lo trovo eccellente nella presentazione della figura che è la grande assente del nostro secolo: il padre.

    Mi piace

  3. Si potrebbero scrivere libri sulle due domande che poni. Io non credo nell’originalità, solo nella sensibilità e nella sincerità con cui si affrontano le solite domande che continuano a ripetersi dall’inizio dell’umanità. All’epoca quando lo lessi mi colpì molto Battle Royale. Lo stile è piuttosto anonimo, quindi non posso considerarlo un capolavoro, ma l’idea mi colpì moltissimo (molto di più dello scopiazzato Hunger Games.)

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...