Pubblicato in: costruire un brand, editore di se stesso

Ebook e marketing: come sviluppare una strategia?

savona vista dal priamar

 

Già: come sviluppare una strategia di marketing per i propri ebook? Mica semplice rispondere. Questa è la seconda parte di una riflessione che ho iniziato chiedendomi: “Che cosa sbaglio nel mio piano marketing?”. E provo a procedere. Attenzione: non ho detto che arriveremo da qualche parte.

Progetti futuri

Molti affermano che è indispensabile pubblicare anche il cartaceo. Che in questa maniera le vendite iniziano a esserci. Può darsi. Io al momento non desidero abbandonare il digitale. È un errore? È questo che impedisce ai miei racconti di essere un poco più visibili? Non lo so, sinceramente. A me pare che per i racconti la versione digitale sia perfetta. Soprattutto per i racconti.
In realtà ho una mezza idea di raccogliere la Trilogia delle Erbacce in un solo volume, e di proporlo anche cartaceo ma nel 2017. Campa cavallo.
Però torniamo all’argomento di questo post: la strategia marketing per vendere ebook. Con un’avvertenza: alla fine non svelerò alcuna ricetta. Sto solo riflettendo.

Il marketing non è una formula

Come dicono gli esperti, o guru, il marketing non è una formula che puoi imparare leggendo questo o quello, o frequentando corsi a pagamento. Non è qualcosa di esterno ed estraneo che imponi al tuo prodotto, alle tue storie, e magicamente accade il miracolo. Niente del genere.
È qualcosa che è già nelle tue storie. È racchiuso in esse. In passato su questo blog ho affrontato parecchio la questione su che cos’è una storia (per esempio: Che cosa contiene la tua storia? Oppure: ho spiegato il motivo della mia fissazione per le erbacce), e non per caso.
Ma perché sapevo che o parli delle imprese di Giovannona Coscialunga, e allora è tutta discesa.

Il marketing è il cuore

Ma se non sei interessato a questo genere di narrativa, devi capire dove batte il cuore delle tue storie, e una volta individuato, procedere. Renderlo chiaro, semplice, comunicarlo nella maniera più opportuna.
Ecco: questo è il marketing. Non raccontare bubbole (anche se a volte succede, ma quello non lo considero marketing, bensì fuffa ben raccontata). Ma esporre con sobrietà la forza del prodotto.
Se uno racconta storie, l’unico marketing vincente che può adottare è… raccontare storie. Non credo nei banner pubblicitari: anche perché se qualcuno crede ancora che sia sufficiente crearne uno, pagare e lasciare che ci pensi Google, avrà un amaro risveglio. O ci si rimbocca le maniche e si studia l’argomento per bene; oppure si paga un professionista (ma sei certo di riuscire poi a coprire tutte quelle spese?). Non è qualcosa alla portata di chiunque.
Il marketing è nelle proprie storie. Fine.
A questo punto, che resta da fare? E lo chiedi a me? Ah, è vero: sono io che ho iniziato. Ma di questo parlerò prossimamente…

La domanda delle 100 pistole

Come vado, dottò? Sono implacabile con me stesso nell’analisi dei miei punti deboli? Perché sghignazzi?


Leggi l’anteprima di Cardiologia in PDF su Dropbox.

Advertisements

Autore:

Raccontastorie

5 pensieri riguardo “Ebook e marketing: come sviluppare una strategia?

    1. Non so. Il prezzo a mio parere non è un ostacolo perché mi pare già onesto così. Tutti dicono di regalare oppure di mettere il prezzo a 0,99 centesimi. Non ho il coraggio di abbassarlo. Mi sembra di non credere in quello che ho fatto, di tradire le mie storie.

      Mi piace

  1. Giulia Lu Dip propone una promozione. Se sul cartaceo può avere senso – tanto ci pensa qualcun altro a fare lo sconto – nel digitale mi pare una presa in giro per chi l’ha comprato a prezzo intero. Semmai questa opportunità va sfruttata nelle prime due settimane dopo la pubblicazione. Poi basta. Quando vedo sulle varie piattaforme che un ebook, venduto normalmente a 9€ e passa, offero a poco più di 5 mi dà l’idea che il volume sia scarso. Sarà impressione mia ma è così. Mi rallegro solo se era mia intenzione acquistarlo.
    Cosa fare? Domanda non semplice. Credo che diopenda dalla qualità della storia. Poi … ma il mercato italiano è troppo ristretto per la marea di libri pubblicati.

    Mi piace

    1. Eh sì! Siamo in troppi! 🙂
      Sul prezzo: ce ne sono di folli (anche di editori), e io credo di applicare un prezzo giusto. Più basso mi sembrerebbe di svendere. E poi: non obbligo nessuno. Chi vuole legge l’anteprima e decide se comprare o lasciar perdere.

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...