Pubblicato in: costruire un brand, editore di se stesso

Un paio di dritte leggendo Iréne Némirovsky

copertina capolavori némirovsky

 

Sempre utile e gradevole vedere come gli autori affrontano la pagina, no, non la pagina ma la narrazione. Ed ecco allora che in questi giorni leggo Irène Némirovsky, e in particolare il racconto “La preda”. Le cose da imparare sono sempre interessanti e tante.
Per esempio…

Un viaggio in automobile

I due personaggi della scena salgono in automobile e si dirigono verso Parigi. Come affronta la faccenda la Némirovsky? Meglio lasciar parlare lei!

Fece salire in macchina suo fratello e partirono.

In realtà nel file (ho la versione digitale dell’opera), c’è un refuso; “macchia” per “macchina”, ma lasciamo correre. E poi? Il viaggio come si sviluppa? Incontrano qualcosa di particolare? Il paesaggio com’è? C’è traffico? Dei carri trainati da cavalli (il racconto è ambientato nel 1938), o da muli? No, niente. Non c’è assolutamente nulla. Per quale motivo?
È sempre pericoloso cercare di indagare le scelte di un autore; ma è anche divertente. Un sacco di persone probabilmente avrebbe preferito spezzare questa parte del racconto con almeno qualche dettaglio su quanto accade al di là del finestrino. Lei, no, ma è abbastanza comprensibile il motivo. Si tratta di descrivere i pensieri di un personaggio nei confronti del proprio fratello. Inframmezzarlo con descrizioni di paesaggi, contrade attraversate lungo il tragitto per la capitale, significherebbe creare dei potenziali elementi di disturbo.
Attenzione. Non significa affatto che questo è “IL” modo giusto o migliore o unico per affrontare certi snodi narrativi. Forse è sbagliato. Forse uno sguardo oltre l’abitacolo poteva essere una buona idea. Di certo questo è uno dei modi di scrivere, e di affrontare determinate scene. Non è però il solo. E quale scegliere è un problema di chi scrive. Deve pensarci lui. E deve ricordarsi che a volte, è meglio non offrire al lettore alcun elemento di distrazione.
Anche se poi arriva magari uno come me che rompe le scatole, e dal basso della sua esperienza “ritiene che”.

La democrazia dell’autore

Si dice che un autore deve essere democratico, e se fa entrare un personaggio nella pagina, lo fa perché serve, non perché c’è spazio.

La bambinaia svizzera, che indossava una blusa bianca, cuciva sotto la lampada.

Stop. Nient’altro. Non spiega che faccia avesse, se era bionda o nera di capelli, come li pettinasse. Niente del genere. Offre le informazioni essenziali. C’è questa persona, ci dice che è svizzera, indossa una blusa bianca, e cuce alla luce di una lampada. Il resto è faccenda di chi legge. Hai presente quando si dice che chi scrive deve lasciare spazio al lettore? Ecco, appunto. Poco oltre:

La padrona del bar, una donna dai capelli bianchi che incorniciavano un viso allegro e rubicondo, venne a prendere l’ordine e, dopo aver servito da bere si ritirò lasciandoli soli.

Pure qui il personaggio è tratteggiato. Mica ci racconta per filo e per segno cosa indossa, se aveva tutti i denti o gliene mancavano un paio, che mani avesse o la dimensione delle orecchie.
In questo caso, il fulcro dell’azione non è la padrona del bar. Quindi si agisce in modo da renderla ben viva e protagonista, ma sempre con uno sguardo al cuore della scena. Dove non c’è lei, ma i due personaggi.
In narrativa non esiste alcuna regola (a parte quelle grammaticali e di sintassi!); si tratta di indicazioni. Tocca a chi scrive leggere, e studiare come un autore o un’autrice affrontano la faccenda. E toccherà sempre a lui o a lei, tirare le conclusioni; che potrebbero però essere sbagliate! Non è magnifico?

La domanda delle 100 pistole

Quale opera della Némirovsky apprezzi di più?

E buon Natale.


Leggi l’anteprima di Cardiologia in PDF su Dropbox.

Advertisements

Autore:

Raccontastorie

15 pensieri riguardo “Un paio di dritte leggendo Iréne Némirovsky

  1. “Il ballo” m’è piaciuto, ma “David Golder” di più 🙂
    Anche io ho questa versione, e anche altri classici della Newton. La quantità di refusi e di brutte traduzioni, ahimè, è imbarazzante 😦

    Mi piace

    1. David Golder è magnifico!
      Questa traduzione è discreta: quella di “Belli e Dannati” era un pianto. Minuscole dopo il punto, punti al posto di virgole, cittadine che cambiavano nome… Un orrore.

      Mi piace

  2. Sempre interessante leggerti. Mi piace come condividi con gli altri, a piccole dosi e senza risultare pesante o tedioso, il tuo modo di vivere la scrittura. Finora ho letto poco di quest’autrice, ma intendo rifarmi… David Golder mi attira parecchio, ma prima darò la precedenza a “I cani e i lupi”, visto che è già in pila con altri sul comodino.

    Mi piace

    1. David Golder è un gran racconto. “I cani e i lupi” non l’ho ancora letto, e non tutto della Némirovsky è eccelso (ma questo è inevitabile). Di certo è una scrittrice che, a mio parere, giganteggia nella letteratura francese del Novecento.

      Liked by 1 persona

  3. Della Nemirovsky ho letto quasi tutto e l’ho trovata sempre grandissima nello scrivere le sue storie. Un po’ meno nelle conclusioni, che ho trovato sempre affrettate e poco incisive.
    Cosa ho apprezzato di lei? L’abilità nel fare parlare i suoi personaggi, nello scavare nella loro psicologia.
    Di sicuro Suite francese – il primo che ho letto di lei – è una spanna sopra il resto della produzione, seguito dal racconto David Golder.
    Però fare classifiche è sempre antipatico.

    Mi piace

      1. Il suo guaio è stata la scoperta tardiva, per cui hanno estratto anche i fondi del caffè, spacciandoli per un caffè sopraffino.
        Però ceri passaggi sono da incorniciare e leggere con attenzione perché è veramente brava.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...