Pubblicato in: editore di se stesso, pubblicazione fai da te

Se ami la letteratura, non leggere i miei racconti

paesaggio ligure

 

Adesso penserai che mi sto dando la zappa sui piedi. Che è ora di piantarla con questa modestia che definire eccessiva è poco. E che occorre alzare un po’ la testa, che diamine. Perché se qui non lo facciamo noi, di darci qualche pacca sulle spalle, non lo farà mai nessuno.
Niente di tutto questo.
Sul serio.

Non amare l’aria. Ma le persone

Hai notato? Quando sta per uscire il romanzo di un autore importante, dappertutto è un giubilare di “letteratura”.

Se ami la letteratura, amerai questo romanzo.

Il romanzo che riporta la letteratura a livelli sublimi.

La letteratura, ringrazia.

E un simpatico, schietto, irriverente

Chi se ne frega!

non ce lo vogliamo mettere? Magari se non entra, proviamo tutti quanti a spingere.
Al mio tre:

Un, due e treeeee!!!!

Ecco.
Ci sta benissimo.
Che cos’è la letteratura? Un’etichetta. Nella società mercantile che viviamo, abbiamo bisogno di etichette per non perderci.

Cibo per cani

Igiene personale

Giochi e prima infanzia

Letteratura

Musica, film e tv

Auto e moto

E siccome noi sotto sotto, anche se non vogliamo dircelo perché non è né bello, né carino, siamo prodotti e abbiamo una nostra etichetta (o meglio: vorremmo averla, e vorremmo essere un prodotto che si vende come il pane), ci sentiamo a posto.
A casa.
Io non amo la letteratura.

Ciccia! Colesterolo! Intestino crasso!

Semmai amo Tolstoj, Dickens, Zola, Silone. Ciccia.
Certo, una volta erano ciccia, adesso mi devo accontentare di foto, o filmati. Erano ciccia che parla ancora adesso a ciccia e colesterolo.
Al giorno d’oggi, del tutto misteriosamente, dire che è uscito un romanzo di… (qui metti il nome del tuo autore preferito, vivente), sembra che sia troppo poco.
Offriamogli la S.S. (la Sacra Stampella): diciamo che è letteratura!
Non è mai letteratura. È vita, oppure è zero.
Ah! Lo so cosa pensi!

Lana caprina! Questa è pura lana caprina!

A parte il fatto che ogni tanto serve pure quella. Ma per un attimo facciamo finta che sia lana caprina. Adesso spiega un po’ che cos’è la letteratura. E ce lo facciamo dire dalla Treccani:

In origine, l’arte di leggere e scrivere; poi, la conoscenza di ciò che è stato affidato alla scrittura, quindi in genere cultura, dottrina. Oggi s’intende comunem. per letteratura l’insieme delle opere affidate alla scrittura, che si propongano fini estetici, o, pur non proponendoseli, li raggiungano comunque; e con sign. più astratto, l’attività intellettuale volta allo studio o all’analisi di tali opere“.

A te piace questo, o “La schiena di Parker” di Flannery O’Connor? Ami questa definizione, oppure “Cattedrale” di Raymond Carver?
Il punto è che le storie scritte sembrano talmente deboli nel mondo d’oggi, che se non proviamo a rinforzarle con la prodigiosa vitamina “Letteratura”, la gente nemmeno se ne accorge. E qui bisognerebbe iniziare a chiedersi come mai le storie hanno perso così tanto terreno da essere in affanno e aver bisogno di soccorso.
Prima di diventare letteratura, sono già investite di letteratura.

Io racconto storie (o almeno ci provo)

Io, cerco di raccontare storie. Vita. Non letteratura. Mi dirai che sono sciocchezze. Che è così che funziona, è una convenzione e quindi questo discorso non ha né capo, né coda.
Non solo ha un capo e una coda, ma nel mezzo ha tutto il necessario per fare la sua bella figura al ballo della Croce Rossa nel Principato di Monaco.
L’ho detto prima che abbiamo bisogno di etichette. Che viviamo in una società che non può vivere senza. Mi sta persino bene, ecco: accetto “letteratura”, contento?
Però se ami la letteratura, non leggere i miei racconti.
Perché io provo a raccontare storie. Non faccio letteratura, e nemmeno mi interessa.
Se succede, è a mia insaputa. Magari tra 100 anni (e qui siamo nella fantascienza più sfrenata), qualcuno dirà:

Eh. ‘Sto Marco Freccero ci sapeva fare! Le sue storie sono Letteratura D.O.C.G., da leccarsi i baffi!

Ma tra 100 anni. Non stamattina. Il tempo è galantuomo con pochi, e villano con la maggioranza.

La domanda delle 100 pistole

Qual è il tuo autore vivente preferito? Ma soprattutto: questa domanda, l’ho già fatta?


Leggi l’anteprima di Cardiologia in PDF su Dropbox.

Scarica l’anteprima in PDF di Non hai mai capito niente.

8 pensieri riguardo “Se ami la letteratura, non leggere i miei racconti

  1. Il mio autore preferito è Stephen King, anche se di recente è scaduto un po’. Accanto a King ho messo, da nemmeno qualche mese John Grisham. sanno il fatto loro, ma a parte questi due non ho altri autori famosissimi preferiti. Nemmeno penso che abbiano scritto tutti capolavori. Oggi, dopo tanto leggere, sono diventato più critico e cerco di imparare cosa possa servire per imparare a scrivere.
    Ho autori preferiti minori come Marco Freccero, Carla Rita Francesca Monticelli, ecc…

    1. Grazie!
      Il “capolavoro” esiste certo, ma non è perfetto. “It” è un capolavoro? Penso proprio di sì. È perfetto? Probabilmente no. Funziona? Certo, e ci riesce perché comunica. Semplice!
      Comunque anche Giovanni Venturi è uno da tenere d’occhio🙂

  2. Il mio autore preferito vivente per ora Elena Ferrante, ma amo molto anche Daria Bignardi e Chiara Gamberale…in passato ho amato molto Cesare Pavese e Jean Paul Sartre entrambi morti. Anche Moravia non mi dispiaceva prima che diventasse troppo eccessivo con il sesso. In realtà mi mancano ancora molti autori da conoscere, ma serve sempre tempo, la vera chimera dei nostri tempi.

    1. Sartre non lo conosco, e nemmeno Moravia. Pavese ho tutto, ma non l’ho mai letto. È strano, lo so, ma è così. Un altro che dovrebbe piacermi è Hemingway, ma misteriosamente non mi piace.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...