Pubblicato in: costruire un brand, editore di se stesso

Perché cambia ancora la programmazione di questo blog

mare

 

All’inizio di questa avventura, intendo quella del blog, e cos’altro altrimenti, pubblicavo post tutti i giorni, o quasi. Poi sono sceso a 5 post, per riposare nel fine settimana.
Nel mese di novembre 2014 avevo annunciato che il numero dei post scendeva a 3, ma avevo pure aggiunto, se non ricordo male, che avrei potuto decidere di cambiare ancora, di ridurre…

Da 3 a 2

E siamo infatti arrivati al momento di cambiare ancora. Dal mese di giugno i post scenderanno a 2. Dalla settimana prossima, gli aggiornamenti ci saranno solo il lunedì e il mercoledì. Ho notato tra l’altro che il venerdì e il fine settimana in genere sono giorni di stanca notevolissima. La pubblicazione del mio racconto “La casa di cura” avverrà perciò di mercoledì. Poi il suo posto sarà preso da un post.
Immagino che sia più che sufficiente un paio di post, anche perché non sono mica indispensabile. E poi il tempo è quello che è, e non credo proprio che un maggior numero di post porterà le persone a interessarsi alle mie storie.
Forse un minore numero di post mi costringerà a scriverne di migliori. Chi può dirlo? E non scordiamoci che qui si lavoricchia alla terza raccolta di racconti che chiuderà la Trilogia delle Erbacce. La precedenza alle cose importanti. Giusto?
Giusto!
Però…

Già, però…

Però c’è un progettino al quale sto lavorando. Non mi prenderebbe troppo tempo, anche perché “lì” parlerei di quello che affronto qui, però la veste sarebbe diversa. Vedremo nelle prossime settimane se la faccenda giungerà in porto, oppure no.
Ah, già lo so.

Ecco! I blog si sgonfiano! Alla fine le chiacchiere finiscono!

Be’, no. Qui le chiacchiere continueranno per un bel po’, questo è poco ma sicuro. Solo che siccome ho 2 raccolte di racconti, e sto lavorando sulla terza, più tutto il resto che prende più tempo che mai, devo concentrarmi su ciò che è essenziale, esatto.

La domanda delle 100 pistole

Senza i miei post del venerdì, che farai?😉
Spero qualcosa di decisamente ottimo!


Leggi l’anteprima di Cardiologia in PDF su Dropbox.

Scarica l’anteprima in PDF di Non hai mai capito niente.

18 pensieri riguardo “Perché cambia ancora la programmazione di questo blog

  1. Mi dispererò!!! No scherzo…caro Marco due post a settimana possono essere più che sufficienti per i tuoi follower fedeli🙂 avrai più tempo per i tuoi racconti. A questo punto sono curiosa riguardo al tuo progetto, ci racconterai. Buona giornata

  2. Ritengo sia giusto prendersi un po’ di tempo per sé. Se il blog diventa un impegno tale da sottrarre energie ad altre cose allora forse non ne vale la pena. Continueremo a leggerti comunque (tranne il venerdì!).😉

  3. Ho scelto due post a settimana fin dall’inizio perché sapevo che avrei faticato troppo per tenere un ritmo più elevato. Quindi ti capisco perfettamente. Anch’io continuerò di certo a leggerti. Il venerdì ci concentreremo tutti su Salvatore e lo faremo impazzire con i commenti!!😛

  4. All’inizio io avevo due post a settimana; poi sono scesa a uno. Non è cambiato nulla in termini di visite e gradimento dei lettori, anzi: forse ho addirittura guadagnato, perché i lettori riescono a godersi i miei post (che come sai spesso non sono né brevi né semplici) in tutta calma. E io del resto mi sento molto più rilassata. Per ora, va benissimo così. Se in futuro riuscirò, magari tornerò a due, ma non so: sto pensando addirittura di abolirle, le scadenze fisse.

  5. Io sono scesa a un post alla settimana, anche se quell’unico post mi fa sudare sempre sette camicie. Ora ho aperto il blog al guest-post (che eventualmente comparirà il mercoledì). Mi piacerebbe non essere l’unica titolare del blog, quello sì, ma so di esperienze non proprio felici con le gestioni a più mani.

  6. Benvenuto nel mondo dei blogger da due post a settimana!🙂

    Devo dirti la verità: io ho sempre letto tutti gli articoli dei blog che seguo ma qualche volta resto indietro, perché si accavallano troppi argomenti su cui dire qualcosa e finisce che qualcuno, alla fine, sfugga alla mia attenzione. Allora quando sono due, gli articoli, anche uno, è più facile goderseli.
    Mii verrà di sicuro più comodo venirti dietro!🙂

  7. Vedo in giro che tutti sentiamo il bisogno di rimettere in discussione il tempo dedicato al blog, e anche i suoi contenuti. A me sembra cosa buona, non un soccombere alla mancanza di tempo o uno scoprire che il blog è inutile. Gli amici si valutano sulla base della frequenza degli incontri? Non mi pare. Il blog, secondo me, funziona proprio allo stesso modo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...