Le storie parlano di sfumature, non di regole

copertina ultimo giro di valzer

 

Sappiamo che per scrivere una storia occorre rispettare delle regole: bene. Le impariamo, come è giusto che sia, o in famiglia, o a scuola, o in entrambi i luoghi (e pure in altri posti). Hanno un sacco di ottimi vantaggi, ma anche un difetto. Se non si fa attenzione diventano Leggi Immutabili, e saranno poi esse, e non noi, a osservare il mondo. Questo è un bel problema; ma se hai l’ambizione di scrivere storie, rischia di diventare un enorme problema.

La vita è davvero grande e grossa

Infatti la scrittura dovrebbe indicare le sfumature. I dettagli. Le regole ci sono (a proposito: quelle grammaticali o di sintassi cerchiamo di rispettarle!), ma una storia con una qualche ambizione deve per forza di cose vivere e respirare in un mondo dove sono le sfumature (o i dettagli), a farla da padrone. Il problema di certe regole è che impediscono di vedere quanto è grande la vita. Perché la vita è grossa, complicata e grande. Ma non tutti hanno voglia o intenzione di parlare di questo. Nelle loro storie c’è una vita che vive dentro una camicia di forza. Lì è tutto semplice: bianco o nero. Giusto o sbagliato.
Nel nostro romanzo «L’ultimo giro di valzer» la storia era «complicata», ma non nel senso che di solito si dà a questo termine. Per esempio: sappiamo che un uomo sposato, o impegnato con una donna, dovrebbe comportarsi in un certo modo. E invece… L’amante dovrebbe, una volta scoperte alcune cose su di lui, fare una scelta decisa; e troncare.
Ma questo non accade. Per quale ragione?
L’essere umano è più grande delle regole che egli stesso crea.
Sappiamo che un matrimonio, anche se non sancito: diciamo allora una coppia; dovrebbe comportare sincerità, fiducia. Ma altrettanto bene sappiamo che questo non succede e si verifica il tradimento.
Se ci si limita alla superficie delle cose, e se si gioca a fare i puristi (non della lingua ma della vita), ci si può scandalizzare e fingere che queste cose non accadano. O se anche accadono, non è roba per noi.
Un uomo e una donna si sposano, o formano una coppia e vivono per sempre felici e contenti; oppure litigano, capiscono che non sono adatti e si dividono. O bianco o nero.
Ma la vita non è questo.
Una storia almeno interessante dovrebbe indicare qualcosa che non è compreso tra il bianco e il nero. La scrittura dovrebbe esplorare il terreno nascosto dei grigi, deve mostrare ciò che non ci piace conoscere. Poi toccherà al lettore scegliere cosa combinare: se continuare a ignorare, oppure mettersi in discussione. E se scrivi delle storie e ti piace il bianco e il nero, e solo questi colori… Temo che tu abbia un bel problema!

La domanda delle 100 pistole

Che ne dici?


Acquista ora il romanzo “L’ultimo giro di valzer”.

Annunci

12 thoughts on “Le storie parlano di sfumature, non di regole

  1. Sono in perfetta sintonia con il tuo pensiero. Il mondo dei bianchi e dei neri è già abbastanza mediocre. La scrittura dovrebbe mostrare qualcosa di diverso, cercare l’incomprensibile e provare a spiegarlo. Il conformismo fa male all’arte; eppure c’è ancora chi considera la sfumatura una ruffianeria.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.