Pubblicato in: costruire un brand, editore di se stesso

Una brutta storia estiva – Ottava parte

una brutta storia estiva

 

«E me lo dice ora? Da mezz’ora mi sgolo, e me lo dice adesso?»
«Non so quanto sia importante. Nella scrivania del suo ufficio in comune, abbiamo trovato un’agenda. E la moglie, quando gliel’abbiamo mostrata, ha dichiarato di non saperne nulla.»
«Sì.» Incrociò le dita lunghe sul piano della scrivania.
«L’aspetto curioso è che nelle ultime cinque settimane era stato tre volte dal suo medico curante.»
«Come si chiama?» Prese una penna e un foglio di carta.
«Roberto Lazzari.»
Il sostituto scrisse, alzò d’un tratto il capo: «Ho già sentito questo nome. Perché?»
«Eccome. Il figlio a settembre sposerà l’unica figlia del fondatore di una multinazionale svizzera. Si occupano di un po’ di tutto: cibo, orologi, oro. Gente con montagne di denaro.»
Il procuratore fischiò: «Questo si chiama dare una svolta alla vita. Ma torniamo al Pittaluga.»
«Abbiamo chiesto alla moglie di cosa soffrisse. Lei non ne sapeva nulla. Anzi. Da oltre vent’anni, a sentire lei, non andava dal medico. Lei insisteva perché facesse dei controlli periodici, vista l’età. Ma lui se ne infischiava.»
«E che dice il medico.»
«Che era sano come un pesce. Ma che stava diventando ipocondriaco.»
Il sostituto posò la penna. Si alzò, e camminò sino alla finestra, le mani dietro la schiena.
«Eh! Qui potrebbe esserci qualcosa.» Si voltò, piantò gli occhi sul brigadiere.


Scarica gratis le puntate precedenti in un comodo file epub (ideale per iPad o iPhone).

Oppure nel formato .mobi (perfetto per il Kindle di Amazon).

Annunci

Autore:

Raccontastorie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...